Salmonella nelle uova fresche, è allarme. Ministero richiama tre lotti

Segui controcopertina.com

Nella giornata di ieri, il Ministero della Salute pare abbia richiamato tre lotti di uova provenienti da uno stabilimento della provincia dell’Aquila. Il Ministero ha invitato i clienti a non fare uso di questi prodotti che hanno il numero di Lotto 17.18-0718. Il rischio sembra essere il seguente, ovvero che queste uova siano infette dalla salmonella enteritidis, il batterio che causa una malattia molto grave, che colpisce il sistema digerente. I sintomi principali della salmonella sono diarrea, vomito, febbre, nausea e dolori intestinali. Il contagio può avvenire sia per contatto che per ingestione di cibo, oppure di acqua infetta e quindi il consiglio è quello di rivolgersi nel più breve tempo possibile al medico oppure al pronto soccorso per poter effettuare tutti gli accertamenti del caso ed eventualmente sottoporsi ad una cura antibiotica.

Leggi Anche  Allarme asma, in Italia 300mila persone ne soffrono, di più sono i bambini sotto i 14 anni

Stando a quanto riferito, sembra che le uova richiamate sono state prodotte dall’azienda Avicola Peligna di Margiotta Mario, presso lo stabilimento di Contrada San Martino a Raiano in provincia dell’Aquila. Le uova presentano il marchio di identificazione numero 077AQ082. Si tratta Dunque dei tre lotti di uova fresche prodotte dal marchio Avicola Peligna di Margiotta Mario distribuite con i numeri di Lotto 17-18-0718 con scadenza minima 15-08-2018 , 19-20-0718 con scadenza minima 17-08-2018, 21-22-0718 con scadenza minima 19-08-2018 e prodotte presso lo stabilimento in contrada San Martino Raiano in provincia dell’Aquila.

Per fortuna il richiamo imposto dal ministero, non riguarda l’intera quantità di uova prodotte dall’azienda ma unicamente i pezzi rientranti in tre lotti ben specifici. Nel caso in cui ci si renda conto di aver acquistato le uova infette con salmonella, è necessario interrompere il consumo immediatamente e rivolgersi ad un medico il quale sicuramente saprà consigliare la terapia da iniziare nel più breve tempo possibile, per contrastare l’azione del batterio. Come sempre accade in questi casi, è tornato a parlare Giovanni D’Agata presidente dello sportello dei diritti il quale a scopo precauzionale raccomanda ai clienti che hanno acquistato le uova fresche dei lotti sopra indicati, di non consumarli e consegnarli al rivenditore o al servizio igiene degli alimenti e nutrizione della locale. Poter visualizzare i richiami del ministero, bisognerà recarsi sul sito dell’istituzione e cliccare sul link e richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori sotto la voce avvisi sicurezza.

Leggi Anche  Valter Longo e la dieta della longevità: come funziona la dieta mima-digiuno

Che cos’è la salmonella?

Ricordiamo che la salmonella è un batterio della famiglia dei bacini che può provocare delle reazioni differenti nell’uomo. Questo è il microrganismo vive perlopiù sul suolo terrestre e all’interno dell’acqua ed è il responsabile principale di alcune malattie infettive. Quelle maggiormente riscontrate nell’essere umano sono le febbri enteriche, la setticemia e la salmonellosi. Quest’ultima è quella più diffusa e va a intaccare l’apparato digerente. In genere, si prende questa malattia per via dell’Assunzione di alimenti che sono contaminati come le uova, le carni, il latte non pastorizzato e il pollame. Come abbiamo visto, i sintomi principali sono vomito, febbre, nausea, dolori addominali, ma in tante situazioni si può presentare in modo asintomatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.