Home » Economia & Caste » Addio contanti, solo bancomat: Monti realizza il sogno dei banchieri

Addio contanti, solo bancomat: Monti realizza il sogno dei banchieri

Il governo dei banchieri: così, i più accorti, lo hanno definito da subito. E hanno fatto più che bene, perché di questo si tratta. Molti dei ministri del governo Monti hanno lavorato per le banche come manager. Lo stesso presidente del consiglio è uno con un’esperienza quarantennale nel mondo della finanza. Cosa ci si poteva aspettare dunque dalle sue politiche? Logico: che favorisse le banche. Che da una parte piangono miseria e nella realtà incassano soldi a tonnellate.

Ma il contante – dicono i “tecnici” – è meglio farlo sparire. Il pretesto è quello dell’evasione fiscale, problema che – chissà perché – in Italia è gigantesco, in Svezia e Germania è praticamente assente. Nel decreto legge all’esame dell’esecutivo, c’è l’obbligo per i negozianti di accettare pagamenti elettronici dai 50 euro in su. Per le banche sarà boom di commissioni. Per ogni operazione, infatti, gli istituti di credito incasseranno almeno un euro, ma in altri casi anche molto di più. Un business miliardario, che farà impoverire ancora più consumatori e commercianti.

Banconote e monete in metallo, dunque, serviranno solo per comprarsi un caffè e un paio di mutandine. Tutto il resto carta elettronica, virtuale. Sapranno tutto di noi: ogni singolo spostamento, ogni nostra abitudine. E le banche, mai sazie, faranno soldi a palate. Soldi invisibili: il sogno si sta avverando. Questione di pochi mesi. Già dal 2013 potreste dire addio alle banconote da 50 euro: non servirebbero più.

Loading...

Altre Storie

Cina Shock:Il primo trapianto di testa su cadavere al mondo, è russo il primo volontario

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero a effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Cana vero …

18 comments

  1. Scusate, ma i pagamenti sopra i 50 € devono essere SEMPRE fatti con bancomat, o devono solo essere accettati se il cliente li richiede? No, perché nella seconda ipotesi mi sembra che l’articolo sia veramente campato in aria. Anche se le conclusioni sono giuste, ma per ben altre ragioni.

    • la seconda, antomale. Tu potrai scegliere se pagare contanti o bancomat, e se tirerai fuori i bancomat l’ esrcente non potrà rifiutarsi. Questo tra l’ altro risolverà un problema che si presenta spesso nei ristoranti etnici, nei mercatini, nei mercati ortofrutticoli, etc, in cui con la scusa che “non ho la macchinetta” pretendono contante obbligandoti a girare con grosse some in tasca e spesso senza fare ricevuta.

  2. sempre! se fanno un decreto legge per contrastare l’evasione… credi ti diano la possibilità di scegliere??

  3. da come c’è scritto nei vari siti di informazione invece non c’è obbligo di pagare col bancomant, ma solo obbligo del negoziante di accettare per importi superiori ai 50 euro bancomat o carta di credito (poi è il cliente a scegliere se usare i contanti o meno).
    Evitiamo di dire cantonate, please…

    • E pensare che anche la Gabanelli si è spesa/scomodata per sponsorizzare l’uso del denaro elettronico…
      Non sono loro i “dritti”, siamo noi le vittime della nostra stessa ingenuità…
      “E la Storia, come un idiota, meccanicamente si ripete!” (Paul Morand).
      Pino

  4. Diciamo che sommato a molti sintomi il fatto è un po’ inquietante.

    “Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d’uomo; e il suo numero è seicentosessantasei”
    (Apocalisse 13:16-18)

    Soprattutto se si è a conoscenza delle 10 leggi di Chomsky, soprattutto la terza che qui riporto con un esempio della sua esecuzione.

    Terza norma è la gradualizzazione delle soluzioni politiche, e quindi «Per far accettare una misura inaccettabile basta applicarla gradualmente, col contagocce, per anni consecutivi. E’ in questo modo che condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte durante i decenni degli anni ‘80 e ‘90: Stato minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero state applicate in una sola volta».

  5. e quando i miei quattro figli usciranno a fare compere dovranno avere ognuno un bancomat ?? mi serviranno 6 bancomat? a quale costo ??? bancomat in mano a minori ? sono fuori di testa

    • se hai 4 figli minorenni cui permetti di spendere più di 50 euro a testa ogni volta che escono, vuol dire che il costo del bancomat te lo puoi permettere tranquillamente, per cui o ti sei espressa male, o non ti rendi conto di quello che scrivi.

  6. Questa crisi ha una storia nota. I centri del potere finanziario giocano d’azzardo e si inventano investimenti sempre più lucrosi, e pertanto più rischiosi. Quando vincono il mondo può stare abbastanza tranquillo. Quando perdono cosa fanno? Cercano di lucrare sui crediti più sicuri, cioè i debiti che gli stati hanno contratto con loro. Prendono di mira uno stato e si accaniscono. In questo modo i loro interessi crescono. E’ un gioco sicuro per diversi motivi. Primo, gli stati faranno qualsiasi cosa per accontentarli; secondo, il debito degli stati si può immaginare come una carovana nella quale c’è inevitabilmente uno stato che occupa l’ultima posizione, un po’ isolato dagli altri: una preda più facile per i delinquenti che lo vogliono attaccare. Terzo, nei governi sotto pressione ci sono loro amici e consulenti, o talora ex soci in affari. Pensiamo alla banca mondiale che ad ogni crisi ripropone le stesse soluzioni facili facili: paghino i deboli, non solo, ma mettano i loro bisogni sul libero mercato in modo che siano preda dei soliti ingordi. Nulla deve essere gratuito, cioè di tutti, neanche l’aria e l’acqua, ma tutto deve essere gestito dai maghi del privato. Così si abbassano i livelli di benessere. Alcuni professori di economia sanno che il benessere non crea le condizioni ideali per la crescita del PIL, per la quale è necessario che le persone lavorino e si indebitino per beni inizialmente non necessari, ma progressivamente sempre più irrinunciabili, per esempio la salute, la qualità dell’ambiente, la possibilità di avere tempo per costruire relazioni piacevoli. Dunque quando i geni della finanza si accorgono di aver sbagliato di grosso i loro loschi affari (derivati o futures o altre trappole in cui si scommette su tutto, anche sulla sopravvivenza di intere popolazioni), sanno dove andare a riprendersi i soldi.

  7. @sugel. Facile scaricare la colpa sugli altri, sulla speculazione quando noi siamo stati i primi a spingere in questa direzione. Dagli anni 80 in avanti gli italiani hanno pensato bene che lavorare tutto sommato era una scocciatura e così via alle pensioni a 40 anni, via all’abbandono dell’agricoltura, via alla deindustrializzazione e alla delocalizzazione delle imprese all’estero, e così via. Insomma tutti a ballare sul ponte mentre la nave affonda, e adesso che siamo con l’acqua alla gola ce la prendiamo a turno con i politici, con i cinesi, con i tedeschi, con i banchieri, con gli speculatori e così via. Chissà perchè la germania non ha i nostri problemi…magari è sfiga e la speculaizone internazionale ha tirato i dadi e ha scelto il bel paese al posto dei freddi teutonici…oppure no?

    • “via all’abbandono dell’agricoltura”
      fammi capire, se gli enormi progressi tecnologici fatti in agricoltura permettono a un contadino di oggi di fare lo stesso raccolto che un secolo fa facevano in cento, dovremmo tornare tutti a zappare la terra come nel medioevo?

  8. Edoardo Lo Cicero

    scusate, ma le fonti?

  9. É una continua limitazione dei nostri diritti, tra poco ci imporranno come vestire, mangiare e pendare, ma questo già lo fanno.
    Questo Governo Tecnico va contro gli interessi del Paese e ubbidisce alle direttive dei banchieri, industriali mondiali che si sono messi in mente di governare il mondo.

    Quello che è strano è che non vi sono proteste efficaci, convinte…i nostri ex-politici hanno paura e stanno ad aspettare che dei mercenari sistemino l’Italia. Questi politici sono già tutti “morti”, che non pensino di poter riemergere da quella mefitica melma nella quale si sono immersi per eludere le proprie responsabilità!
    elvio

  10. Ci stanno riducendo in schiavi e non ve ne rendete conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *