”Adesso basta, ecco cosa è successo davvero”. George Michael, dopo rumor e sospetti, si fa avanti una voce ufficiale, quella della famiglia. Cosa ha fatto sapere sulla tanto discussa morte della popstar

0

La morte di George Michael, icona pop degli anni Ottanta, ha gettato nello sconforto milioni di fan in tutto il mondo ma soprattutto, ovvio, i suoi familiari. Che oltre a dover digerire un lutto improvviso e disarmante, adesso si trovano anche a dover fare i conti con le voci sulle cause del decesso. Sì, perché se sulle prime si è parlato di morte per insufficienza cardiaca, poco dopo è esplosa come una bomba un’altra ipotesi, partita da alcune fonti sentite dal Telegraph: quella dell’infarto per overdose di eroina. A ciò si aggiungano i sospetti sulla ricostruzione del compagno di Michael, Fadi Fawaz, che sempre al Telegraph avrebbe confermato di aver trovato la popstar britannica senza vita nel letto del suo cottage nelle campagne dell’Oxfordshire, che le cose ”negli ultimi tempi si erano fatte complicate” – dichiarazione che è stata poi associata alla dipendenza da droghe – ma non avrebbe invece chiarito dove si trovasse la notte della vigilia, l’ultima dell’artista, trovato esanime intorno alle 13,40 del giorno di Natale proprio da lui. (Continua a leggere dopo la foto)

Voci che da ieri stanno circolando sui media britannici e, di conseguenza, di tutto il mondo e che riportano a galla la dipendenza da droghe e medicinali che George aveva vissuto in passato, dopo il 1991, quando entrò in una depressione profonda, come ammise lui stesso. Ma la sua famiglia non ci sta e, per bocca di un responsabile della comunicazione, ha deciso di rompere il silenzio con una nota ufficiale pubblicata sul Guardian: ”Al contrario di quanto scritto da alcune testate, non ci sono circostanze sospette attorno alla sua morte – fa sapere -, e dal profondo del nostro cuore ringraziamo quelli che, giustamente, hanno scelto di celebrare la sua vita e la sua eredità artistica in queste ore di sofferenza”.

(Continua a leggere dopo le foto)

Ti potrebbe interessare anche:Guarda Anche

Dopo aver chiarito la loro posizione, i familiari della star sentono il dovere di ringraziare i fan per l’affetto dimostrato in questi giorni: ”La famiglia e gli amici più vicini a George – si legge ancora sul Guardian – sono stati incredibilmente toccati dall’incredibile dimostrazione di amore nelle ore e nei giorni seguenti alla sua morte”. E ancora: ”Per uno la cui vita è stata caratterizzata dalla musica e dall’amore che ha ricevuto dalla famiglia e dagli amici, dai fan e da tutto il mondo, non potrebbe esserci un tributo migliore delle tantissime parole che sono state dette e degli innumerevoli ascolti ricevuti”. Stando alle sue ultime volontà, George Michael dovrebbe essere seppellito a Londra, accanto a sua madre, scomparsa nel 1997, prima del suo coming out ma dopo aver saputo della sua omosessualità grazie a una lettera che il figlio decise di scrivere ai suoi genitori.

Loading...
SHARE