Home » Spettacoli & Oscenità » Dopo anni di liti, si riuniscono i Guns N’Roses con Axl e Slash

Dopo anni di liti, si riuniscono i Guns N’Roses con Axl e Slash

Slash in concertUn cancro da estirpare’. Con queste affettuose parole nel 2009 Axl Rose si riferiva al suo vecchio sodale Slash. Ora, quasi sette anni dopo, sembra che il cantante dei Guns N’Roses abbia cambiato idea e abbia accettato di scendere a patti con il chitarrista per realizzare una delle reunion più attese dagli appassionati di rock.

La band americana ha ufficializzato il ritorno sul palco al Festival Coachella, il 16 e il 23 aprile 2016, per le prime due date di un tour che ne dovrebbe includere almeno 25. Se ne parlava da parecchi mesi, e nelle ultime settimane le voci erano diventate quasi una certezza dopo che Billboard aveva anticipato i dettagli di una delle tournée più ricche di sempre.Perché poi sempre lì si va a parare: qualunque offesa o insulto può essere dimenticato in cambio di una giusta dose di quattrini.

Che, nello specifico, dovrebbe corrispondere a una montagna di soldi: tre milioni di dollari per l’esattezza, sempre secondo l’autorevole testata musicale americana, sarebbe la cifra chiesta dai Guns N’ Roses per ogni concerto. Un cachet che andrà spartito tra Axl Rose, Slash (all’anagrafe Saul Hudson) e il bassista Duff McKagan.Sono questi tre, al momento, i membri della formazione originaria che faranno parte della reunion, mentre per quanto riguarda il batterista e il secondo chitarrista si aspettavano conferme dal cantante ieri sera al Jimmy Kimmel Live, uno dei più noti talkshow televisivi americani.

Peccato che Axl Rose abbia deciso di tornare a fare la rockstar in tutti i sensi e di annullare all’ultimo la partecipazione senza dare, naturalmente, alcuna spiegazione. Troppe, forse, le cose da chiarire dopo un annuncio simile. Perché la band ha atteso tanti anni per ritrovarsi insieme nella sua line-up originaria? Il tour avrà un seguito in Europa? Dopo i live arriverà (finalmente) anche un nuovo album insieme? Magari il tanto atteso seguito di Chinese Democracy, che nel 2008 vide il ritorno in studio del cantante insieme ai ‘nuovi’ Guns N’ Roses. Un album non apprezzatissimo, che lo stesso autore aveva annunciato come prima parte di un lavoro doppio, la seconda parte del quale però non è mai uscita.

L’unica certezza al momento è che non sia un caso aver annunciato le prime date al Coachella Valley Music and Arts Festival. La kermesse di Indio, una città non lontana da Los Angeles, è uno dei ‘place to be’ per tutto il jet set californiano. Un luogo dove si dà appuntamento mezza Hollywood e dove attori del calibro di Leonardo DiCaprio si mettono a ballare in mezzo alla folla mascherati per non farsi riconoscere.

Un festival che ama molto far parlare di sé con reu- nion di grandi band, dai Ra- ge Against The Machine nel 2007 agli Outkast nel 2014. Passando per l’esibizione in forma di ologramma del
rapper americano Tupac Shakur, morto nel 1996 e «salito» sul palco di Indio nel 2012.Ed ecco che allora non stupiscono le ulteriori indiscrezioni su un live dei Guns N’Roses nel tempio del gioco d’azzardo americano, per inaugurare la nuovissima Las Vegas Arena che aprirà il prossimo 6 aprile, giusto a pochi giorni di distanza dal primo concerto della band a Coachella. Ma in fondo che importa se sia solo una questione di business? Ci sono almeno tre generazioni in attesa: quella di chi fece in tempo a vederli dal vivo (l’ultimo show insieme di Axl e Slash risale all’estate 1993, allo stadio del River Plate a Buenos Aires).

Quella di chi fece in tempo a sentirli prima dell’addio del chitarrista nel 1996 ma era troppo piccolo per i concerti e quella di chi è nato dopo lo scioglimento del gruppo. Certo, bisognerà sborsare parecchi soldi per ascoltarli. Si parla di biglietti a partire da 250 dollari. Ma qualcuno (o qualcosa) dovrà pur far dimenticare ai due protagonisti della storia dei Guns gli ultimi vent’an- ni di insulti.

Loading...

Altre Storie

Raoul Bova, chiesto un anno di carcere per evasione fiscale

«Non sono un evasore. Non ho mai creato risparmi fiscali. Stare qui mi mette a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *