Home » Politica & Feudalesimo » Appalti nella sanità, intercettato il Ministro De Girolamo: “Facciamogli capire chi comanda”

Appalti nella sanità, intercettato il Ministro De Girolamo: “Facciamogli capire chi comanda”

PDL Ministers Hold Press ConferenceL’edizione odierna de ‘Il Fatto Quotidiano’, così come la versione digitale de L’Espresso, danno ampio spazio alla vicenda che riguarda gli appalti dell’Asl di Benevento. Il Gip della città campana, parla di “indagini sull’esistenza di un ristretto direttorio politico-partitico, al di fuori di ogni norma di legge”. All’interno delle carte, emergono anche alcune intercettazioni dell’attuale Ministro dell’Agricoltura, Nunzia De Girolamo (NCD), moglie del sottosegretario del PD, Francesco Boccia (“Gli F35 sono elicotteri che spengono incendi e salvano vite umane”). Il ministro non è indagato e si difende: “Volevo fare pulizia”.

Sta di fatto che dalle intercettazioni, viene fuori il solito vizio tutto italiano di decidere appalti e nomine tra le mura di casa con un ristretto giro di amici:

“Michè, scusami: al Fatebenefratelli facciamogli capire che un minimo di comando ce lo abbiamo. Mandagli i controlli e vaff.!”. Sono queste le parole che la De Girolamo, allora al PDL, rivolge irritata a Michele Rossi, da nove mesi nominato Direttore Generale dell’ASL di Benevento, suo feudo elettorale. Ecco le parole di Rossi: “Io la nomina l’ho chiesta a te, tu me l’hai data ed è giusto che ci sia un riscontro… Se resto, lo faccio unicamente per dialogare e confrontarmi con te, per andare avanti sulle tue corrette indicazioni, come sempre sono state sino ad oggi”.

Siamo nell’estate del 2011 e qualcosa non sta andando come dovrebbe presso l’Ospedale sannita. Cosa stia succedendo, non è dato saperlo dalle poche pagine delle indagini venute fuori, ma qualcuno si è messo di traverso e la politica sta perdendo il controllo dell’Asl e dei suoi appalti. “A poche ore dalla fine dell’anno a Benevento – scrive l’Espresso – quattro imprenditori sono finiti ai domiciliari e a due ex dirigenti dell’ASL è stato imposto l’obbligo di dimora nei rispettivi comuni di residenza. Una storia di fatture gonfiate: per gli indagati è stato disposto pure il sequestro di beni per un milione e mezzo di euro. Ma lei, il Ministro, al momento non risulta indagata”.

Oltre alla De Girolamo, citati nell’inchiesta ci sono anche due suoi stretti collaboratori: Gianfranco Papa, oggi vicecapo di Gabinetto al Ministero, e Luigi Barone, attuale direttore del portale del Mipaaf. Nelle cinque ore di intercettazioni, si parla anche di elezioni, di voti che dal centrodestra possono passare al centro sinistra, perché funziona così: io ti do un appalto, poi quando ci sono le elezioni ti vengo a chiedere 100 voti.

Finora Nunzia De Girolamo si è rifiutata di commentar, limitandosi a dire:

“Chi vuole fare pulizia può essere ucciso con la pistola oppure con la parole. Alla fine viene sempre fuori la verità. In ogni caso, facendo riferimento semplicemente agli ultimi sviluppi dell’inchiesta agirò legalmente contro chi lancia accuse o adombra sospetti, e anche contro chi le riporta attraverso riscontri falsi e abusivi”.

Leggi il dossier de L’Espresso

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Loading...

Altre Storie

Napoli shock: Muore paziente, parenti scatenano rissa calci e pugni a infermiere e vigilantes

Quattro infermieri, due medici e un vigilante sono stati aggrediti ieripomeriggio al pronto soccorso dell’ospedale …

2 comments

  1. Non ci sta da scandalizzarsi.
    E’ ormai noto che quando dicono “per il bene dell’Italia”, vogliono dire “per i …. nostri”.

  2. La sanità e la madre di tutto. Lo sappiamo tutti.non c e regione che si salvi.la regola e l appalto per procurarsi la liquidità a nero indispensabile per la corruzione e il voti di scambio per i voti.ognuno di noi che ci lavora ne potrebbe racontare decine o centinaia di episodi.
    Ma che vi aspettavate dalla de Girolamo ? Che rappresentasse il cambiamento generazionale che tanto si millanta? E poi insieme a quel marito?
    Machè cosa volete che facciano o pensino a sera! Telefonano agli amici e danno le direttive che concordano con i ghota del paese (culturali, morali professionali,spirituali) che sono le loro frequentazioni abituali e le loro ispirazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *