Arrestato piccione… trasportava cocaina

In Costa Rica anche i piccioni si danno al business della droga

Il piccione è stato individuato e catturato dalle autorità della Costa Rica mentre volava nei pressi del carcere di La Reforma, a San Rafael de Alajuela. Gli agenti sono stati incuriositi da una piccola borsetta nera, attaccata al corpo dell’animale, che è del medesimo colore, nella speranza che il tutto passasse inosservato. Ma a quanto pare così non è stato e gli agenti della polizia ne hanno potuto constatare, con relativa sorpresa, la presenza di ben 14 g di cocaina e altrettanti di cannabis, per un valore che si aggira intorno ai 280 euro.

Lo scopo era quello di far arrivare le sostanze stupefacenti ad uno dei detenuti all’interno del carcere, nel tentativo di alleviarne la permanenza, o magari di attivare un business all’interno della struttura. Le autorità informano che non è questa la prima volta che un animale ignaro viene usato per scopi simili. In passato però si sfruttavano cani e gatti, adesso si è passati alla via aerea sperando sia più sicura. Ma a quanto pare qualche calcolo è andato storto per la malavita.

E’stato proprio il Ministero della Giustizia e della Pace del Costa Rica a pubblicare la foto segnaletica dell’animale sotto il titolo di “narcopaloma”, che significa “piccione della droga”, elencando anche la data della detenzione del volatile. Il piccione è stato poi portato in uno zoo dove ci si aspetta rimanga…in gabbia.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *