Home » Primo piano » Australia: il più grande impatto di asteroide, causa estinzione dinosauri?

Australia: il più grande impatto di asteroide, causa estinzione dinosauri?

Scoperti in Australia due crateri che sarebbero il risultato del più grande impatto di un asteroide con il pianeta Terra. Si tratta di una struttura da ben 400 Km, la più estesa in assoluto. A fare la scoperta, i geologi dell’Australian National University guidati da Andrew Glikson, che hanno individuato due crateri non più visibili in superficie, ciascuno da 200 Km ciascuno. Secondo i primi rilevamenti, si tratterebbe del risultato dell’impatto di un asteroide spaccatosi in due prima dell’impatto, causando anche l’estinzione dei dinosauri.

A supportare questa ipotesi, il fatto che il materiale rinvenuto in entrambi i luoghi è identico e dunque sia stato un evento di proporzioni talmente vaste da causare un’estinzione di massa:

Insieme formerebbero una struttura di 400 km, la più grande conosciuta in qualsiasi parte del mondo – scrive Glikson sulla rivista Tectonophysics – Le conseguenze sono che possa aver causato un evento di grande estinzione di massa, ma ancora non sappiamo l’età di questo impatto di asteroide, e ci stiamo ancora lavorando.

I crateri, visibili solo milioni di anni fa, sono scomparsi nel corso dei millenni, ma nuovamente individuati tramite le trivellazioni di ricerca geotermica. Si trovano per la precisione in una grande zona dell’Australia centrale:

Il prossimo passo consisterà di ulteriori ricerche attraverso una serie di sondaggi sismici. Quando ne sapremo di più sull’età dell’impatto, sapremo se è correlato a una delle grandi estinzioni di massa. Per ora non abbiamo tutte le risposte – ammette Glikson – , ma vi è molto interesse verso l’impatto sui dinosauri e altre specie preistoriche.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata da batterio killer Pseudomonas aeruginosa: i lotti interessati

Dopo l’ultimo episodio che ha terrorizzato parecchie persone sulla vicenda del batterio killer Pseudomonas aeruginosa …

One comment

  1. allora non ci resta che trivellare , dosare i radioidsoiìotopi,e sperare,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *