Home » Economia & Caste » Borsa, effetto referendum sull’Italia: sale lo spread, giù Piazza Affari

Borsa, effetto referendum sull’Italia: sale lo spread, giù Piazza Affari

Lo spread vola a 182 punti e la Borsa di Milano, unica in Europa, finisce in rosso per il timore del risultato del referendum costituzionale del 4 dicembre Le Borse europee chiudono in moderato rialzo sulla scia dell’aspettativa che le misure messe in cantiere da Donald Trump alimentino la crescita Usa e in vista di un possibile aumento dei tassi da parte della Fed. Unica a terminare in negativo e’ Piazza Affari che risente l’effetto spread, schizzato sopra 180 punti per le incertezze sull’esito del referendum del 4 dicembre. Milano sconta la nuova deflazione, le attese per la reazione dell’economia agli annunci di Trump che avranno impatto sulla politica monetaria americana.crollo-borsa-ape-3-10

 Londra guadagna lo 0,34% a 6.753,18 punti. Francoforte sale dello 0,24% a 10.693,69 e Parigi dello 0,43% a 4.508,55 punti. Wall Street, dopo un’apertura positiva, procede cauta e contrastata con il Dow Jones che segna un +0,07% e il Nasdaq che cede lo 0,37%.

Intanto lo spread fra Btp e Bund tedeschi chiude in rialzo a quota 178 punti, con il rendimento del decennale che schizza al 2,11%. Fra i titoli del listino milanese, con il segno positivo fra i maggiori rialzi Banca Mps con un +11,3 punti, seguito da Exor, Buzzi Unicem, Stm e Prysmian.

L’Italia ripiomba in deflazione. Colpa dei prezzi dell’energia in caduta, gas e luce in primis, ma anche di un carrello della spesa che continua a riflettere consumi molto fiacchi, da cinghia tirata. Indice di una congiuntura debolissima e di un mercato che invece di riprendere vigore galleggia. Così l’Istat fotografa ad ottobre una flessione dei listini dello 0,1% rispetto al già misero +0,1 di settembre, mentre su base annua il calo è dello 0,2%. Si tratta di un problema tutto nazionale visto che nel resto dell’Eurozona l’aumento è in media dello 0,5%. Del resto la debolezza della domanda interni di beni e servizi indica in maniera evidente che i consumatori tendono a rinviare gli acquisti e ad accumulare liquidità in attesa di ulteriori abbassamenti dei prezzi. Una spirale velenosa che la Bce di Mario Draghi cerca da tempo di bloccare con l’obiettivo dichiarato di rilanciare la ripresa e mettere un argine alla stagnazione.

L’Istat, che non è ottimista per il futuro («l’economia resta incerta, non ci sono sintomi di accelerazione»), individua nel calo dei beni energetici (-3,6% da -3,4% di settembre) il principale responsabile della frenata, ma ha pesato anche il calo dello 0,3% annuo dei prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona. Ovvero, il cosiddetto carrello della spesa, il termometro più immediato per tastare il polso dei consumi privati. Le prospettive sono nere e Confcommercio è, come evidente, molto preoccupata: «È ormai certo che anche il 2016 si chiuderà, come i due anni precedenti, con un’inflazione praticamente nulla».

Sulla stessa linea Coldiretti: «La deflazione ha effetti devastanti: le quotazioni del grano duro sono crollate del 38% e il latte viene pagato quasi come l’acqua minerale al supermercato». Insomma, la domanda non tira e c’è un surplus di offerta. Proprio Confcommercio aggiunge che scendono gli acquisti di abbigliamento (-0,1%), per il divertimento, i viaggi e il ristorante (-2,3% tendenziale). A testimonianza che la spesa non necessaria si taglia L’incertezza, spiega l’istat, ha colpito sopratutto Milano che registra un calo record dei prezzi che raggiunge l’1,8% tendenziale, in un contesto in cui vedono il segno meno i listini di ben 14 grandi centri su 29 (erano solo quattro a settembre). L’istituto di statistica nota che il forte calo della metropoli lombarda è dovuto al confronto con ottobre2015 quando c’era stata una «forte impennata dei prezzi degli alberghi in concomitanza con l’ultimo mese di svolgimento dell’Expo».
Per quanto riguarda i cali dei prezzi nei capoluoghi delle regioni e delle province autonome, Milano è seguita da Potenza (-0,6%) e Torino, Ancona, Roma e Palermo (-0,3% per tutte e quattro). A Genova emerge la diminuzione più contenuta (-0,1%). I maggiori aumenti si registrano invece a Napoli e Bolzano (+0,5% per entrambe). In attesa di un inversione di tendenza, magari sulla scia del Natale, il 2016 si avvia a diventare l’anno dell’inflazione zero.

Loading...

Altre Storie

Censura crocifisso dai prodotti e li cancella. Attivisti di fronte alla Lidl alzano crocifisso di tre metri

In Ungheria, un gruppo di attivisti ha eretto una grande croce proprio di fronte alla Lidl . …

2 comments

  1. Questo spred e diventato l’indice di gradimento del politico di turno in Italia fate ridere, avete in mente qualche altro sallasso per gli Italiani????’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *