Borse ancora in caduta libera, Ftse Mib a -4,69 per cento

Milano lascia sul campo il 4,69 per cento, con un’ondata di sospensioni per eccesso di ribasso, e l’indice Ftse Mib scende a 16.441 punti. In calo anche All share -4,72%. Mentre Milano risulta la peggiore piazza finanziaria con un tonfo del 4%, Parigi e Francoforte lasciano sul terreno il 3%, seguite da Londra che perde il 2,5%. A pesare i rinnovati timori degli investitori sulla crescita economica mondiale con il crollo del prezzo del petrolio e il rallentamento di Cina e Stati Uniti.

E secondo gli analisti le prospettive future non sono particolarmente rassicuranti. Ma a Milano l’incertezza e la volatilità internazionali sono amplificate dall’elevato peso sull’indice dei titoli bancari, che subiscono anche attacchi di matrice speculativa, senza riscontri sui fondamentali di bilancio, a cui neppure le voci istituzionali riescono a mettere argine.

Tra questi la Bper,Saipem, Anima, Mps, il Banco Popolare, Ubi e Bpm. A Wall Street BofA-Merrill Lynch, Citigroup, Goldman Sachs e Morgan Stanley, alla chiusura dei mercati in Europa, registrano perdite di oltre il 5%. Il rendimento del decennale italiano torna sopra l’1,6%, a 1,65%, mentre il tasso del Bund è in ulteriore calo allo 0,23%. L’oro prosegue la corsa al rialzo, salendo ai massimi da giugno a 1.198 dollari l’oncia e la valuta giapponese si apprezza sia contro l’euro che contro il dollaro.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*