Brescia, dopo Mario Bozzoli scompare un’altra persona. E’ giallo

Si infittisce ilgiallo di Brescia: dopo Mario Bozzoli, l’imprenditore titolare di una fonderia scomparso a Marcheno la settimana scorsa, anche un altro impiegato della stessa azienda è sparito senza lasciare traccia.

Di Giuseppe Ghirardini, 50 anni, non si sa più nulla da mercoledì. Giovedì un familiare ha denunciato la scomparsa dell’operaio che come Bozzoli era stato visto per l’ultima volta in fonderia.
Ghirardini, secondo quanto riportato dal quotidiano “Il Giorno”, si era allontanato a bordo della sua Suzuki.
La protezione civile ha avviato le ricerche già giovedì notte, concentrandosi nell’area di Passo Crocedomini, senza al momento venire a capo di nulla.
Ghirardini era uno dei tre operai presenti in fabbrica ad aver visto per ultimi Mario Bozzoli. L’unico che ancora non era stato ascoltato come testimone dalle autorità.

La scomparsa di Mario Bozzoli è un giallo attualmente senza spiegazione.
L’imprenditore, finito il suo lavoro in fabbrica, aveva contattato telefonicamente la famiglia dicendo rapidamente:“Sto ritardando, fra poco arrivo”.

Ma nella sua casa a Marcheno, Brescia, l’uomo non è mai arrivato e la sua auto è stata trovata nel parcheggio della fonderia, indizio che dopo la telefonata Bozzoli avrebbe mai lasciato la ditta. La caccia all’uomo è stata estesa a tutte le zone frequentate abitualmente dal Bozzoli, inclusa la casa estiva.
L’ipotesi più gettonata dalla polizia è quella del sequestro di persona, ma la famiglia sospetta che sia successo qualcosa di molto brutto in fonderia e che l’uomo sia finito accidentalmente all’interno di uno dei forni.

Le macchine sono state messe sotto sequestro dalla procura.
L’ipotesi del sequestro non è neppure stata scartata: la moglie di Mario Bozzoli ha lanciato un appello ad eventuali rapitori, pregandoli di provvedere alle pillole che il cinquantenne deve necessariamente assumere per curare la sua ipertensione.

La scomparsa di Giuseppe Ghirardini apre la pista a nuove ipotesi: Ghirardini non aveva ancora rilasciato la sua testimonianza sull’accaduto. L’operaio sapeva forse qualcosa di troppo?

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*