Home » Politica & Feudalesimo » La bugia di Renzi al TG1: “C’è crisi, non aumentiamo le tasse”

La bugia di Renzi al TG1: “C’è crisi, non aumentiamo le tasse”

renzi-matteo-fotoC’è un detto che dice: “Per tenere soggiogato un popolo, basta mentirgli”. E il nostro presidente del consiglio, Matteo Renzi, sembra averlo sempre bene in mente. Ieri sera, nel corso di un’intervista al TG1, il premier ha dichiarato testualmente: “La dobbiamo smettere con il vizio di aumentare le tasse ogni volta che c’è una crisi”.

Ma con chi sta parlando? Da quando è in carica, Renzi non ha fatto altro che aumentare tasse e balzelli, che si sono lasciati infinocchiare al modico prezzo di 80 euro. Il Governo delle larghe intese ha aumentato la Tasi fino al 60%, il bollo auto a partire dal 2015 del 12%, le accise sul tabacco, le accise sulla benzina, le accise sugli alcolici, la tassa sui prodotti tecnologici (il cosiddetto “equo compenso”) del 500%, la tassa per avere il passaporto (da 37 a 73 euro), l’imposta di bollo, la tassa sui conti-corrente, la tassa per fare ricorso contro le multe (da 37 a 43 euro) e ha reintrodotto l’anatocismo bancario, ossia gli interessi sugli interessi.

La domanda è banale: caro presidente, cosa è questo se non un aumento di tasse?

Loading...

Altre Storie

Con l’auto sulla folla: «Volevo ammazzarne tanti»

«Volevo ammazzarne di più», dichiara stralunato al pm Stefano Latorre che va a interrogarlo nel …

One comment

  1. Basta che Rebzi cambi significato alle parole. Ricordiamoci che con referendum chiedemmo l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Lo chiamarono “rimborso elettorale!” Ma ci sono stati altri momenti che non elenco per brevità, mi basta che le persone che vogliano ricordare questi episodi, nin li dimentichino.
    Renzi ed accoliti ci credono scemi e passibili di venire abbindolati da loro! Con me si sbagliano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *