Camera, Commissioni: fuori tutti i 5 stelle, tranne i fuoriusciti

2

Camera dei Deputati: saltano quasi tutti i vicepresidenti di Commissione del Movimento 5 Stelle, premiati i fuoriusciti. Il rimpasto dei presidenti e vice presidenti delle Commissioni di Montecitorio vede uscire sconfitti su tutti il M5S e Forza Italia. Per quel che riguarda il movimento di Beppe Grillo, non sono stati rieletti tra gli altri, Alessandro Di Battista, Carla Ruocco, Giorgio Sorial e Danilo Toninelli, mentre hanno riavuto la carica i deputati che hanno ormai da tempo abbandonati i banchi dei grillini, ossia Massimo Artini, Walter Rizzetto e Adriano Zaccagnini.

Fuori anche tutti i deputati di Forza Italia, via Giancarlo Galan (ai domiciliari) e l’inquisito Carlo Sarro. Insomma, il PD, ha sostanzialmente lottizzato le Commissioni. “Tutte le cariche spartite secondo il manuale Cencelli, tutti coinvolti tranne M5S”, scrive su Twitter il deputato Emanuele Cozzolino. I rimpasti di presidenti e vice-presidenti delle Commissioni avvengono alla Camera ogni due anni, mentre al Senato ogni due anni e mezzo. Salvo, tra i 5 Stelle, solo Alfonso Bonafede, vice in commissione Giustizia.

Loading...