Home » Economia & Caste » Canone Rai, dietrofront: in bolletta non si può mettere

Canone Rai, dietrofront: in bolletta non si può mettere

canone-rai-abbonamentoIl Canone Rai non si pagherà con la bolletta della corrente elettrica. Fonti di Palazzo Chigi parlano di un dietrofront da parte di Matteo Renzi, che avrebbe voluto farlo pagare anche sulle seconde case sfitte. Dopo il parere negativo dell’autority, ora giunge anche la marcia indietro.

“La riflessione in atto per ridurre e semplificare il canone – fanno sapere da Palazzo Chigi – è strategica ma appare improbabile che l’ipotesi di metterlo in bolletta possa maturare entro questa legge di stabilità visti i tempi tecnici troppo stretti”.  Smentito così il sottosegretario all’Economia Antonello Giacomelli (PD), che stamane aveva parlato di un emendamento alla legge di stabilità da approvare subito in modo da essere operativo da gennaio. In realtà pare che così come era stata pensata la nuova norma da parte di Renzi fosse incostituzionale:

Il canone Rai in bolletta non si può mettere – dice il capogruppo M5S in Commissione di Vigilanza, Alberto Airola – Una questione molto controversa che già da anni si discute e poi si è sempre accantonata, perché presenta delle difficoltà particolari, si parla di profili di incostituzionalità. In ogni caso i gestori sono moltissimi e non si sa come ripartire su tutti questi gestori l’onere del canone Rai. Ma ancor più grave non si sa come dimostrare chi possiede un televisore e chi no!

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

2 comments

  1. il naufragio elettorale del giamburrasca di Fiorenza ,ha dato subito i suoi benefici.Il cittaccio si è accorto che non basta promettere beatitudini ma bisogna anche onorarle

  2. Non è un dietrofront ma soltanto avere qualcun altro a dirci che in Parlamento si è perso tempo a parlare di disegni di legge che erano incostituzionali. D’altronde il perdere tempo su questioni marginali, e al di fuori del programma di questo governo, non è la prima volta. Ricordate la INDEROGABILITà della necessità di poter dare il cognome materno al nascituro? Nel frattempo NON c’è un VERO taglio alle spese ma solo aumenti di tasse e nuove sigle di tasse….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *