Home » Primo piano » Casaleggio è il male assoluto? Che noia questa storia
Gianroberto Casaleggio

Casaleggio è il male assoluto? Che noia questa storia

Gianroberto Casaleggio
Gianroberto Casaleggio, fondatore di Casaleggio Associati – Foto dal web

La bomba mediatica è scoppiata ieri sera quando Piazzapulita ha fatto sentire a tutt’Italia le rivelazioni shock di Giovanni Favia. Il consigliere regionale dell’Emilia Romagna, eletto nel Movimento 5 Stelle, si è lanciato a gamba tesa contro l’uomo che vedete nella foto: Gianroberto Casaleggio. Lo ha paragonato a una sorta di dittatore: vendicativo in quanto tale. Lo ha dipinto come una persona interessata solo al denaro e al controllo totale del Movimento. Ha detto che fondamentalmente Grillo non conta nulla, perché “è un impulsivo” e basta.

Insomma, Favia ha fatto un quadro della situazione devastante per il Movimento 5 Stelle. Un movimento che nell’ultimo anno è cresciuto in maniera esponenziale e che vanta già decine tra consiglieri e sindaci. Ora l’obiettivo sono il Parlamento e il Senato: si votasse oggi, il 15% degli Italiani opterebbe per  il partito di Beppe Grillo.

Anzi no, di Casaleggio. Così ha detto Favia, alimentando le voci su cui il fondatore dell’azienda di marketing è l’unico vero padrone del Movimento 5 Stelle.

Ora, probabilmente il consigliere regionale dell’Emilia Romagna conosce le dinamiche del suo partito meglio di chi sta scrivendo. Però, ammesso che Gianroberto Casaleggio abbia un grande potere nel Movimento: è così strano? E soprattutto: questo Casaleggio, è il “male assoluto”, come alcuni vorrebbero fare credere? Suvvia, cerchiamo di non essere ridicoli.

Stiamo parlando di un grande esperto di comunicazione digitale, di colui che ha convinto Beppe Grillo a puntare tutto sul web. I risultati hanno detto che aveva più che ragione. La più felice delle battute su Gianroberto Casaleggio non poteva che farla il comico genovese. Faceva più o meno così: “Gli attribuiscono un potere assoluto. Casaleggio viene descritto come uno che comanda chissà quale organizzazione di lavaggio del cervello. Scusate, signori, ma se questo non riesce nemmeno a convincere la moglie a seguirlo nella casa in campagna nel week end?”

Ora, prendiamo la battuta come tale e ammettiamo che Casaleggio abbia effettivamente una fortissima influenza nel Movimento 5 Stelle. La sua azienda, d’altronde, si occupa di curare il sito di Beppe Grillo e quello dei Meetup. La Casaleggio, poi, edita ebook, libri cartacei, amministra altri siti web ed elabora rapporti sull’editoria digitale. Insomma, fattura molto, ma non c’è paragone rispetto a ciò che riescono a fatturare veri colossi come Mondadori, il Gruppo Espresso, RCS, ecc.

Loading...

Altre Storie

Richiamato lotto di porchetta di Ariccia Igp per rischio microbiologico

Ma negli ultimi giorni è nato l’allarme sul prodotto sottovuoto a marchio Fa.Lu.Cioli… Sul sito del …

2 comments

  1. Se il Movimento 5 Stelle finisse non ci sarebbe nulla di male.Comunque io lo sempre sostenuto che era un movimento Dittatoriale:Che da ad altri le colpe di quello che loro vorrebero fare.

  2. e allora? tutti hanno un editore che gestisce la parte tecnica di un sito, come di un giornale, cosa vuol dire? diciamo che non sanno più a cosa attarsi questi gionalisti e partiti che si vedeno tremare la sedia sotto il culo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *