Home » Cronaca & Calamità » Ciccio, il cane che ogni giorno va nella chiesa dei funerali della padrona (foto)

Ciccio, il cane che ogni giorno va nella chiesa dei funerali della padrona (foto)

cane-chiesaIl cane, si dice, è il migliore amico dell’uomo. Tante volte le frasi fatte e ripetute al’infinito sono anche false. Ma quando si parla dell’affetto che un animale a quattro zampe prova verso il suo padrone, è tutto vero. E spesso la realtà supera anche l’immaginazione. La foto sopra mostra Ciccio, un pastore tedesco di 12 anni. Che ci fa nella chiesa di Santa Maria Assunta a San Donaci? Aspetta che torni la sua padrona, Maria Lochi. Ma la sua attesa è vana, visto che la donna è morta all’età di 57 anni. Aveva passato tutta la sua esistenza a prendersi cura dei randagi e di fatti, ai suoi funerali, non c’era quasi nessuno. Ciccio era il cane più affezionato e non si è ancora rassegnato alla perdita della sua amica. Così, ogni giorno, da due mesi, va a messa e si mette sul punto dove era posizionata la bara della donna durante le esequie.

Il parrocco della cittadina in provincia di Brindisi, padre Donato, proprio non se la sente di cacciare l’animale dall’edificio religioso. E d’altronde, che motivo ci sarebbe? L’animale è buono e non dà fastidio a nessuno. Rivorrebbe la sua padrona, anche se ora è tutta la comunità a occuparsi della bestiola. “Ho da poco perduto il mio cane, investito da un’auto  –  ha raccontato a Repubblica il sindaco Domenico Serio – e qualche giorno fa mentre ero a passeggio con mia moglie mi sono imbattuto in Ciccio, abbiamo pensato subito di adottarlo. Quando lo abbiamo chiamato ci ha allungato la zampa, famigliare, ci siamo diretti verso casa e lungo il percorso gli si sono avvicinati il venditore di panini, il macellaio, ed altri. Mi sono insomma accorto che la gente dell’intero paese lo avevo già adottato, e non ho avuto cuore di strapparlo alla comunità. I bambini gli hanno anche trovato un posto dove dormire: Ciccio è insomma il cane di tutti“.

Loading...

Altre Storie

Influenza shock: è allarme in Europa, in arrivo virus del “vomito e diarrea”

Mentre le temperature precipitano, i funzionari delle istituzioni sanitari britanniche lanciano l’allerta sostenendo che quest’anno …

3 comments

  1. Scusate ma fare soffrire per due mesi quel povero animale è senza cuore e davvero crudele! Come potete lasciarlo lì a soffrire già da due mesi???? Subito dopo, al massimo una settimana dopo (o anche prima), andava affidato subito a una nuova famiglia del paese, e alla svelta!! E’ ovvio poi che l’amore e il ricordo della padrona saranno sempre con lui e sentirà sempre la sua mancanza ma almeno avere una nuova famiglia e una nuova casa lo aiuterà a soffire meno e sentirsi meno solo e meno abbandonato. Per favore, non perpetrate ancora più a lungo il suo dolore. Poverino ha già soffeto anche troppo!! Ma come avete potuto lasciare che questo stia accadendo già da due mesi?? E’ crudele e inconcepibile!!! Per il bene di questo dolce animaletto, è ora di darlo a una famiglia del vostro paese e fare in modo che possa continuare a vivere in maniera più serena. Per favore, non fatelo soffrire ulteriormente!

  2. condivido va affidato ad una famiglia che lo ami come un figlio, ha già sofferto troppo.

  3. Ma possibile che in quel paese non ci sia nessuno che capisca che Ciccio (Povera anima), ha bisogno di una casa e di un preciso punto di riferimento umano e non di 1000 proprietari da lui identificati come brave persone ma nessun padrone da amare; è triste per me constatare che in alcune realtà del sud la cultura animalista è 60 anni indietro rispetto al nord Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *