Civati: “I parlamentari del M5S guadagneranno più di quelli del Pd”

0

civati giuseppe fotoLa drastica riduzione dello stipendio della casta parlamentare è da sempre uno dei cavalli di battaglia di Beppe Grillo e dunque del Movimento 5 Stelle. Proprio per questa ragione, molte attenzioni si stanno concentrando sui compensi che i deputati e senatori grillini percepiranno effettivamente. In campagna elettorale – sia in piazza, sia in tv, sia sul blog – il comico genovese ha detto che gli eletti del M5S non prenderanno più di 5mila euro al mese lordi: si tratta di 2.500 euro netti.

Ma Giuseppe Civati (nella foto), esponente di spicco del Pd, esclude categoricamente che sarà effettivamente quella la cifra percepita dai grillini. Secondo Civati, addirittura, senatori e deputati a 5 stelle guadagneranno molto più dei colleghi democratici.

“I deputati grillini guadagneranno solo 5000 euro lordi – scrive l’esponente del centrosinistra. – Già. A cui si aggiungono però 3500 euro di diaria.  Più i rimborsi per i viaggi dall’aeroporto e dalle stazioni, che si aggirano intorno ai 1000 euro. Più le spese telefoniche (3000 all’anno, circa). Più i 3600 euro per i collaboratori. Insomma, 10000 euro per sé, più 3000 e rotti al o ai collaboratori”.

Civati spiega perché i parlamentari del Partito Democratico guadagneranno molto meno dei colleghi a 5 stelle:

I parlamentari del Pd guadagnano già (e guadagneranno) di meno, perché sono tenuti a versare 3-4000 euro al proprio partito (e se il partito vi rinunciasse, come ho già proposto, li lascerebbero allo Stato). […] Ogni deputato e senatore del Pd ha versato al partito (oltre alle cifre indicate qui sopra) 30000 euro al momento della candidatura”.

La proposta di Civati, in sintesi, è: togliamo 4mila euro a tutti i parlamentari e restituiamoli allo Stato. Così, giusto per cominciare col piede giusto. Siete d’accordo?