Home » Lavoro & Schiavitù » Consulta boccia la norma Fornero: ci costa 5 miliardi di euro

Consulta boccia la norma Fornero: ci costa 5 miliardi di euro

La Consulta boccia la norma voluta fortemente da Elsa Fornero e mette nei guai le casse dello Stato. La Corte Costituzionale, infatti, si è infatti pronunciata dichiarando illegittima la mancata rivalutazione delle pensioni al di sopra di tre volte del trattamento minimo per gli anni 2012-2013. Il provvedimento fu preso dal governo guidato da Mario Monti, che assicurò con questa norma un risparmio da ben 3,1 miliardi di euro l’anno.

Ma cosa prevedeva la norma Fornero? In soldoni si stabiliva che l’adeguamento all’inflazione (del 2,7% per il primo anno e 3% per il secondo) fosse riconosciuto solo ai trattamenti non superiori a tre volte il trattamento minimo (1.400 euro lorde). Il giudice costituzionale Silvana Sciarra, rispondendo alla Corte dei Conti e al Tribunale di Palermo, ha sostanzialmente stabilito che lo Stato può applicare in modo limitato la rivalutazione dei trattamenti pensionistici, ma deve farlo secondo criteri che bilancino al comtenpo le esigenze delle casse dello Stato con quelle dei pensionati.

Gli interventi, sottolinea la Consulta, “non devono essere ripetuti nel tempo, devono essere ragionevoli ed adeguatamente motivati”. Con precedenti sentenze, la Corte si era già espressa contro il salva-Italia, il decreto al cui interno vi erano norme “incisive” e nemmeno sufficientemente motivate, poiché il governo Monti parlava molto genericamente di “contingente situazione finanziaria”.

In conclusione, secondo la Corte, sono stati violati gli articoli 36 e 38 della Costituzione in materia di proporzionalità e adeguatezza dei trattamenti: ora il Governo Renzi dovrà rimborsare gli aumenti non erogati per un totale che è stato già calcolato in 5 miliardi di euro.

Il pianto di Elsa Fornero in diretta TV

[jwplayer player=”1″ mediaid=”17772″]

Fonte: Leggo.it

Loading...

Altre Storie

Bodybuilder in ospedale con il pene incastrato nei manubri del bilanciere, arrivano i vigili del fuoco a liberarlo

Un culturista abitante della Germania si è trovata ad affrontare uno spiacevole inconveniente a dir …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *