Cuoco cinese in metropolitana con coltello e mannaia: denunciato mentre andava a lavoro

0

Tensione alla stazione metropolitana di piazza XVIII a Roma, dove un cuoco cinese è stato ritrovato con un grande coltello e una mannaia nella tasca dei pantaloni, ben occultati dalla sua giacca.
In realtà, come capita a tanti professionisti, il cuoco si stava recando a lavoro con gli utensili base per esercitare il proprio mestiere nel locale in cui è impiegato, un ristorante cinese in via Cernaia.

L’uomo, di 35 anni, era appena uscito dalla metropolitana e stava attraversando la stazione per recarsi a lavoro come fa tutti i giorni, quando un controllore gli ha chiesto di favorire il biglietto.
A quel punto il cuoco, scostando la giacca per rovistare nella tasca interna, ha rivelato il grande coltello e la mannaia nascosti al di sotto.
cuoco cinese
Ciò ha destato allarme nell’inserviente che ha immediatamente chiamato la polizia. Sebbene il cuoco cinese abbia spiegato di non avere brutte intenzioni e avesse la fedina penale immacolata, ciò non è servito ad evitargli una denuncia per possesso abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.
Infatti, in base alle nostre leggi, oggetti come una mannaia o un coltellaccio per affettare i salumi vengono considerati “armi” ed è proibito circolare con essi.

Indubbiamente il povero cuoco non lo sapeva e ne ha pagato le conseguenze.

Loading...
SHARE