Depilazione inguinale offre maggiore igiene? No, anzi. Parola della ginecologa Tami Rowen

Depilazione-totale-con-ceretta-una-nuova-moda-davvero-rischiosa-e-diffusa-anche-tra-le-non-giovanissime

Perché si ci depila anche nelle parti intime? Uno studio americano dimostra che lo si fa maggiormente per maggiore igiene. Si scoprirà invece che la depilazione inguinale, igienica non lo è affatto, anzi è molto rischiosa.

A dirlo è uno studio pubblicato su JAMA Dermatology, riportato sul Corriere della Sera e condotto da un team di ricercatori coordinato dalla ginecologa Tami S. Rowen dell’università di San Francisco che ha intervistato oltre tremila donne e dalle loro risposte ha scoperto che ben il 62 per cento ha provato la depilazione integrale almeno una volta.

Secondo quanto scoperto dalla Rowen il motivo principale della depilazione inguinale totale o quasi totale non è legato alle prestazioni sessuali o a fattori erotici ma perché vogliono sentirsi maggiormente pulite e ordinate.

“Molte pensano che sia più igienico eliminare tutti i peli e lo fanno non soltanto in vista di occasioni specifiche come una vacanza al mare, ma anche prima di andare dal ginecologo – spiega Rowen -. Qualsiasi situazione che porti la donna a esporre l’area genitale, quindi, favorisce il ricorso al rasoio: anche se si trovano in una situazione per così dire asettica, le donne sono molto consapevoli dell’aspetto della propria area genitale e associano l’assenza di peli a pulizia e ordine“.

In realtà si apprende che è proprio il contrario: la depilazione, togliendo via i peli pubici, toglie via una valida protezione per la pelle che in quella zona è più sensibile; elimina le ideali  condizioni di umidità che i peli pubici garantiscono impedendo il proliferare di lieviti e funghi; toglie la difesa nei confronti dei germi esterni perché i peli pubici normalmente li intrappolano evitando che entrino nella vagina.

La depilazione integrale comporta anche rischi legati al semplice uso del rasoio, dei prodotti per la depilazione e cerette varie: secondo quanto pubblicato sulla rivista Urology dal 2002 al 2010 è aumentato del 3% il numero di ricoveri in pronto soccorso per traumi genitourinari. Rasoi usati male possono provocare follicoliti e lacerazioni. Inoltre si segnalano reazioni allergiche alle sostanze irritanti contenute nei prodotti per la depilazione, dalle cerette alle creme depilatorie o per i rasoi.

Tami S. Rowen è  un ostetrica e ginecologa, specializzata nella fornitura di assistenza per le donne con problemi di salute sessuale, disabilità, cancro e malattie croniche. Ha svolto attività di ricerca e progetti di pianificazione familiare in cliniche in Mozambico, Angola e il Nord America, così come diversi studi nazionali e internazionali sulla salute sessuale delle donne.  Inoltre, ha studiato la nascita naturale in Bangladesh e in Guatemala. Durante uno stage di ostetricia e ginecologia al San Francisco General Hospital, Rowen ha ricevuto il prestigioso sfgh Giulio R. Krevans Award for Clinical Excellence. Il premio riconosce l’eccellenza nella cura del paziente, competenza clinica, condotta professionale e compassione per i pazienti. Rowen è docente presso UCSF, Università della California di San Francisco.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *