Il diabete mellito? Valori, sintomi e fattori

Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata dall’aumento della concentrazione di glucosio,(E’lo zucchero più utilizzato dall’organismo per ricavare energia) nel sangue.
Responsabile di questo fenomeno è un difetto assoluto o relativo di insulina che consente all’organismo di utilizzare il glucosio per i processi energetici all’interno delle cellule.
Quando l’insulina è prodotta in quantità non sufficiente dal pancreas,(Ghiandola situata nella regione addominale. Parte del pancreas produce e libera secreti digestivi, soprattutto enzimi, nello stomaco), nel sangue si avranno degli eccessi di glucosio nel sangue (iperglicemia) favorendo, così, la comparsa del diabete mellito. Il valore di glicemia non dovrebbe mai raggiungere i 200 mg/dl nell’arco della giornata, altrimenti al di sopra di quei valori la diagnosi di diabete e’ certa.Essendo un ormone, l’insulina e’ indispensabile per il metabolismo degli zuccheri.
Tutti gli zuccheri semplici e complessi (amidi), che vengono assunti con l’alimentazione, sono trasformati nel corso della digestione in glucosio, il quale rappresenta la principale fonte di energia per i muscoli e gli organi.
Affinché il glucosio possa fare il suo ingresso nelle cellule ed essere utilizzato come “carburante”, è necessaria la presenza dell’insulina.La concentrazione di glucosio nel sangue si misura con la glicemia.
In soggetti sani, che hanno una vita regolare e un’alimentazione corretta, generalmente nell’arco della giornata i valori della glicemia si mantengono tra i 60 e i 130 mg/dl.
A digiuno, i valori glicemici possono variare dai 70 ai 110 mg/dl; tra 110 e 125 mg/dl si tratta di condizione di alterata glicemia a digiuno , una condizione che dovrebbe invitare il paziente a porre maggior attenzione al suo stile di vita e in particolare alla sua alimentazione.
Nel linguaggio comune con il termine diabete ci si riferisce solitamente diabete mellito. In realtà esiste un’altra condizione patologica detta diabete insipido. Queste due patologie non hanno né cause, né sintomi in comune tranne il fatto di presentare abbondanti quantità di urina.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*