Home » Varie & Avariate » Dieta dei 22 giorni, funziona? quanti chili si perdono e i rischi

Dieta dei 22 giorni, funziona? quanti chili si perdono e i rischi

E’ praticamente arrivata la bella stagione e la prova costume se per alcuni è già stata fatta, per altri sta per avvicinarsi e l’idea di dover perdere qualche chilo diventa sempre più insistente, tanto da indurre a ricorrere a quelli che in molti considerano dei rimedi efficaci. Tuttavia a volte questi rimedi non si rivelano efficaci ma addirittura apportano dei rischi non indifferenti alla salute; non esistono purtroppo delle scorciatoie per perdere peso rimanendo in forma e chiunque promette di farvi perdere 5 kg in 3 giorni, certamente non ha a cuore la vostra salute. È bene diffidare dalle diete dell’ultimo minuto e dalle diete fai da te perché come è risaputo tendono a fare soltanto del male alla salute; la soluzione migliore per poter perdere peso in modo giusto ed equilibrato è quella di rivolgersi a un dietologo che sicuramente saprà indicare la dieta più adatta, questo nel caso in cui chili da perdere siano tanti, mentre se si tratta di perdere due o tre chili bisogna semplicemente cercare di seguire un’alimentazione più sana ed equilibrata possibile per fare esercizio fisico.

Oggi vogliamo parlarvi di una dieta chiamata dei 22 giorni, ovvero un regime alimentare ideato da Marco Borges codificato in un suo volume; alla base di questo percorso dietetico pare vi sia l’alimentazione vegana ed ancora sembra che questa dieta dei 22 giorni sia molto nota, eseguita da molte star di Hollywood o della musica, tra le quali Beyoncé e Jay-Z, che alcuni mesi fa si sono sottoposti al percorso dietetico insieme. Ma come funziona la dieta dei 22 giorni? Questa dieta così come dichiarato dallo stesso nutrizionista, sembra essere ideale per rompere le abitudini consolidate in fatto di alimentazione e l’elemento centrale di questo tipo di dieta è proprio il cambiamento; la dieta nello specifico prevede di eliminare prodotti Ogm, soia, glutine e latticini, grassi, zuccheri e sale dando ampio spazio a prodotti vegetali.

Lo scopo principale della dieta dei 22 giorni è quella di imparare a mangiare in maniera sana e consapevole, ma così come qualsiasi altra dieta è consigliato prima di iniziare, sentire il parere di un medico o di un nutrizionista.

Sostanzialmente questa dieta può essere suddivisa in una serie di regole, ovvero la prima è quella di scegliere alimenti provenienti dalla terra, come ad esempio frutta e verdura che andranno a sostituire prodotti confezionati ed elaborati, dovranno essere consumati tre pasti consapevoli al giorno, con quantità di cibo moderate e devono passare almeno 2 ore tra l’ultimo pasto e il momento di andare a dormire, ed infine la terza regola è quella di seguire la proporzione 80% di carboidrati, 10% di grassi e 10% di proteine. Infine è ritenuto molto importante svolgere almeno 30 minuti di attività fisica al giorno e bere molta acqua, ma anche te senza zucchero o acqua e limone.

DIETA 22 GIORNI “MARTINA”
Lunedì
Colazione:
Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto, caffè o tè, 3 fette di pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Spuntino:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta di stagione
Pranzo
80 gr di pasta integrale con le zucchine, spinaci o bieta saltata in padella
Merenda:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta fresca o verdure di stagione a piacere
Cena:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, Fino a 400 gr di tonno senza olio, 1 porzione di piselli cotti al vapore
Martedì
Colazione:
Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto, caffè o tè, 3 fette di pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Spuntino:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta di stagione
Pranzo:
80 gr di pasta integrale al pomodoro, verdure miste grigliate
Merenda:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta fresca o verdure di stagione a piacere
Cena:
Minestrone di legumi, e un uovo sodo
Mercoledì
Colazione:
Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto caffè o tè, pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Spuntino:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, 1 centrifugato di verdure (carote, sedano, finocchi, pomodori, cetrioli)
Pranzo:
80 gr di risotto preparato con 2 mestoli di brodo vegetale, olio; insalata mista con indivia e carote; 30 gr di pane integrale
Merenda:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta fresca o verdure di stagione a piacere
Cena:
Carne di manzo ai ferri, 1 porzione di ceci al rosmarino
Giovedì
Colazione:
Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto caffè o tè, pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Spuntino:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta di stagione
Pranzo:
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, 240 gr di gnocchi di patate al pomodoro, insalata verde mista

Merenda: Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta fresca o verdure di
stagione a piacere
Cena: Pollo arrosto (anche intero) 1 porzione di lenticchie lesse
Venerdì
Colazione: Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto, caffè o tè, 3 fette di pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Spuntino: Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta di stagione
Pranzo: Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, insalata di patate e
pomodori; mezzo panino integrale
Merenda: Un bicchiere di acqua con un limone spremuto frutta fresca o verdure di
stagione a piacere
Cena: Un uovo sodo, 1 porzione di piselli cotti al vapore
Sabato
Colazione:
Spuntino:
Pranzo:
Merenda:
Cena:
Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto, caffè o tè, 3 fette di pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta di stagione Un bicchiere di acqua con un limone spremuto 80 gr. di pasta integrale fredda con pachino e rucola , contorno di verdure a piacere Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta fresca o verdure di stagione a piacere
Una sogliola o un orata cotta a piacere, contorno di fagioli lessi
Domenica Colazione: Un bicchiere di acqua calda con un limone spremuto, caffè o tè, 3 fette di pane integrale tostato o fette biscottate con miele o marmellata senza zuccheri aggiunti.
Spuntino: Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta di stagione
Pranzo: Pomodori ripieni di 50 gr di riso cotti al forno con contorno di patate
Merenda: Un bicchiere di acqua con un limone spremuto, frutta fresca o verdure di
stagione a piacere
Cena: Un uovo sodo, 1 porzione di lenticchie

AVVERTENZE
Questa dieta va seguita pei 22 giorni e si possono perdere fino a 11 kg. Ma bisogna attenersi scrupolosamente a quanto indicato. È fondamentale assumere gli alimenti a maggiore contenuto calorico, come carboidrati e grassi fino alle ore 15, perché vengono bruciati velocemente grazie all’azione degli ormoni tiroidei e surrenalici. Carne, pesce, uova devono invece costituire i principali componenti del pasto serale perché favoriscono la sintesi deN’ormone della crescita, fondamentale per il consumo dei grassi, potenziando i muscoli (massa magra) e inducono la produzione di melatonina, l’ormone che regola il sonno. L’assunzione di acqua e limone prima dei pasti ha effetti digestivi , favorisce la diuresi ed è disintossicante.lmportante è bere almeno 3 It. di acqua naturale al giorno con ph alcalino superiore a 7, soprattutto al mattino a digiuno: Fabia/Boario ph 7.2, Rocchetta ph 7.4, S.Benedetto Pellegrino/S.Francesco ph 7.7, Levissima/Panna ph 7.8, Vera/Lora ph 8. È possibile sostituire quello che non piace con alimenti qui sotto indicati: Carne: Ogni tipo di carne magra: vitello, maiale, pollo, tacchino, capretto, agnello, manzo. Pesce: Sono ammessi: alici, sarde, rombo, sogliola, orata, spigola, triglia, cernia, trota, sgombro, acciuga, seppia , polpo, calamaro (pesce azzurro in generale). Legumi freschi e secchi: Piselli, fagioli, ceci, lenticchie, fave. Verdura: Concessi tutti i tipi di verdura e funghi. Frutta: ogni tipo di frutta tranne banane, uva, fichi e cachi.
– Sono concessi 3 cucchiaini di olio a crudo al giorno (da distribuire tra il pranzo e la cena).

Tutti pazzi per la dieta dei 22 giorni. È il nuovo tormentone per perdere peso, anche perché i soliti vip hanno dichiarato di seguirli. Pronti quindi a imitare Jennifer Lopez, Pharrell Williams, Beyoncé, Jay-Z e Shakira, ci siamo esattamente chiesti che cos’è questo regime dimagrante e, soprattutto, quali sono i rischi? È stata ideata dal nutrizionista e fisiologo dello sport Marco Borges che ha pubblicato il suo nuovo libro Dieta dei 22 giorni, Sperling&Kupfer.

Questo programma si basa su cinque principi:

    • Consumare prodotti non elaborati: frutta, verdura, evitare i cibi spazzatura e cercare di sfruttare cotture leggere. In questo modo si favorisce la disintossicazione del corpo e soprattutto si assumono nutrienti essenziali.
    • Tre pasti al giorno: bisogna mangiare con moderazione e mai alzarsi da tavola troppo sazi. Dalla cena devono passare almeno 2 ore prima di coricarsi.
    • Seguire la regola 80-10-10. La composizione di una dieta sana ed equilibrata è pari all’80% di carboidrati, al 10% di grassi e al 10% di proteine: è facile ottenerla, in un regime a base vegetale, perché frutta e verdura sono ricche di carboidrati complessi e povere di grassi. I cereali e i legumi devono essere consumati a pranzo e a colazione.
    • Fare sport: almeno 30 minuti al dì. Non si può dimagrire senza un po’ di attività fisica.
    • Bere acqua ed evitare le calorie liquide. Cominciate la giornata con un bicchiere d’acqua e limone per reidratare e alcalinizzare l’organismo. Mediamente ci vogliono 2 litri di acqua al giorno.

Questo programma dura 21 giorni, dal 22esimo vi sentirete rinate. Almeno queste sono le promesse. È rischiosa? Promette una perdita di 11 chili in 3 settimane, decisamente eccessivo. Contrasta ipertensione e colesterolo e abbassa il rischio di soffrire di patologie cardiache. Bisogna però bilanciarlo correttamente, ricordate che i regimi vegani possono creare carenze nutrizionali.

Loading...

Altre Storie

Insonnia da dipendenza tecnologica: ne soffrono sempre più gli adolescenti

Uno studio condotto dal professore Claudio Mencacci direttore del Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *