Home » Scienze & Ignoto » Dieta mediterranea per una memoria giovane
dieta mediterranea

Dieta mediterranea per una memoria giovane

La dieta mediterranea è il miglior antidoto contro l’invecchiamento cerebrale

Sono tanti i pregi che vengono normalmente riconosciuti alla dieta mediterranea, ora però ne arriva davvero uno significativo: essa favorisce lo sviluppo della memoria, anche se viene iniziata in età avanzata.

Che significa? Significa che anche se si inizia ad adottare la dieta mediterranea quando si è avanti negli anni, basta aspettare soltanto due anni per constatare dei miglioramenti consistenti nelle nostre capacità mnemoniche.

Le caratteristiche della dieta mediterranea le conosciamo tutti: è ricca di frutta, verdura, cereali integrali, con un consumo moderato di pesce, pollame e vino rosso. E’ con molta probabilità l’insieme di tanti elementi diversi, che offre al nostro corpo tutte le sostanze nutrienti per il suo fabbisogno.

Il dottor Miguel A. Martìnez Gonzàlez, con cattedra al dipartimento di medicina preventiva all’Università Navarra di Barcellona, spiega simpaticamente: “Non sarete supeman o superwoman, ma potrete mantenere le vostre abilità cognitive o migliorarle leggermente, ma una dieta non è magia”.

Gli scienziati hanno a lungo creduto che un cambiamento di dieta non poteva in alcun modo favorire la memoria, eppure alcuni segni contrario sono cominciati ad emergere circa 10 anni fa. Ad esempio, Nikolaos Scarmeas ed i suoi colleghi della Columbia University hanno raccolto informazioni sulle abitudini alimentari e sullo stato di salute di circa 2.000 newyorkesi di età media compresa intorno ai 70 anni nel corso di quattro anni.

Nel 2006 i ricercatori hanno riferito che l’aderenza ad una dieta mediterranea, che era stata precedentemente collegata a un minor rischio di malattie cardiovascolari, è stata associata anche ad un declino cognitivo più lento e una minore probabilità di contrarre il morbo di Alzheimer.

Quindi una dieta mediterranea a basso consumo di olio extravergine d’oliva, di noci, e basata al contrario sul consumo di grassi dei prodotti lattiero-caseari e la carne favoriscono la perdita di peso ed hanno considerevoli vantaggi per il cervello e tutte le sue attività.

Loading...

Altre Storie

Vitamina D, livelli bassi possono portare alla Sclerosi Multipla

Oggi parleremo di quali sono i rischi della carenza da vitamina D. Come forse saprai, …

2 comments

  1. tutto bene la dieta mediterranra ma dsi devono escludere quei vegetali che contengono troppo rame,altrimenti alimentiamo l’Alheimer spesso presente nella gente.Altro fattorte da tener basso è l’arginina..

    • E’ molto importante seguire una dieta mediterranea e sostenibile, sia perché fa bene alla salute, sia perché è in linea con l’ambiente. Serve molta informazione a riguardo…per esempio Barilla ha recentemente pubblicato un video proprio sulla sostenibilità e il cibo: buonopertebuonoperilpianeta.it/cross-issues/guarda-il-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *