Home » Primo piano » Diffamare su Facebook è reato, anche in forma anonima: la sentenza della Cassazione

Diffamare su Facebook è reato, anche in forma anonima: la sentenza della Cassazione

Facebook BeachfrontSe parli male di qualcuno su Facebook, anche in forma anonima, rischi una condanna per diffamazione. Lo dice una sentenza della Corte di Cassazione: anche se non vengono fatti nomi, basta che la persona sia in qualche modo identificabile anche da una ristretta cerchia di utenti per essere punibili dalla legge.

Con queste motivazioni, infatti, la Suprema Corte ha rinviato a processo un finanziere assolto per un’offesa ad un altro militare: “Attualmente defenestrato a causa dell’arrivo di collega sommamente raccomandato e leccaculo…”, aveva scritto su Facebook il maresciallo capo della Finanza nei suoi dati personali. A questo punto la Cassazione ha sancito che gli insulti sul Web sono reato, anche se anonimi, rinviando a nuovo processo un contenzioso che, tuttavia, ha già visto: Primo grado, Appello e Cassazione.

Loading...

Altre Storie

Meteo, le previsioni dal 24 al 26 novembre

Ma sarà mercoledì la giornata più intensa di maltempo. E’ arrivato il weekend che le previsioni meteo dei principali siti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *