Home » Politica & Feudalesimo » Disinformazione sui finanziamenti ai parlamentari 5 stelle: Beppe Grillo parte con le querele

Disinformazione sui finanziamenti ai parlamentari 5 stelle: Beppe Grillo parte con le querele

ITALY-POLITICS-ELECTIONS-GRILLO-VOTE“La comunicazione 5 Stelle? La gestisce Grillo, soldi compresi. Metà dei finanziamenti ai gruppi parlamentari finirebbe nelle mani del comico genovese, che ne utilizzerebbe – direttamente o meno – una parte per finanziare il proprio blog”, scrive oggi Paolo Ribichini nella sezione Politica del sito ‘Diritto di critica’. Questo articolo varrà al suo autore e alla testata una querela da parte del comico genovese che ha deciso, come afferma sul proprio blog, di voler usare il pugno duro contro chi calunnia il movimento. “I soldi dei finanziamenti ai parlamentari non sono gestiti da Beppe Grillo e non sono usati per finanziare il suo blog. Chi lo afferma sarà querelato…”, si legge oggi sul blog di Beppe Grillo. Una decisione che pare quanto mai necessaria per cercare di arginare una campagna mediatica senza precedenti contro il Movimento 5 Stelle, unica opposizione in Parlamento del partito dal pensiero unico.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata da batterio killer Pseudomonas aeruginosa: i lotti interessati

Dopo l’ultimo episodio che ha terrorizzato parecchie persone sulla vicenda del batterio killer Pseudomonas aeruginosa …

3 comments

  1. Piccolo Scrivano Malandrino

    E’ impressionante il fuoco di fila, da più parti e con tutte le armi possibili, contro il Movimento di Grillo.
    Evidentemente fa proprio paura a tutti i beneficiari dello status quo attuale: politici, burocrati di Stato, giornalisti asserviti al Potere, ecc.ecc.
    La UE e Wall Street seguono con apprensione: se Grillo riuscisse a ripulire il marcio in Italia, sai che esempio pericoloso ?
    Il grillismo si propagherebbe in Grecia, Spagna, Portogallo, Francia, ecc.ecc.
    Questa sì, sarebbe un’autentica primavera popolare; non quelle sanguinose commedie messe in piedi dagli USA nei paesi arabi riottosi alla dittaura di Wall Street.
    Confidiamo e speriamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *