Ebola: virus può essere sconfitto entro 2015

Ebola, pubblicato il rapporto dell’OMS:”il virus può essere sconfitto entro la fine dell’anno, ma serve l’azione congiunta di tutti”

La dottoressa Margaret Chan, dell’OMS, ha rilasciato un comunicato che tira le somme di questo “anno di Ebola“.

“Dallo scoppio dell’epidemia ad oggi abbiamo assistito ad uno sforzo senza precedenti da parte dei governi e delle singole comunità, che hanno fornito assistenza medica, bellica e importanti risorse finanziare. Oggi siamo in grado di monitorare i focolai del virus ebola, risalendo da un singolo caso al luogo dello scoppio dell’epidemia.

In Liberia, Guinea e Sierra Leone sono stati registrati solamente tre casi nelle ultime settimane. In Liberia, dove nel mese di giugno una nuova epidemia sembrava sul punto di scoppiare, la situazione è rientrata nella normalità. L’epidemia di Ebola in Africa può essere sedata entro il 2015, ma non bisogna abbassare il livello d’allerta.”

La dottoressa Chan ha affermato che, sebbene adesso la situazione sia tornata sotto controllo, basta un caso di ebola non segnalato, una fuga di un soggetto da una zona sotto osservazione o una sepoltura non autorizzata, per cancellare un anno di impegno e lavoro. Fino a soltanto pochi mesi fa, si pensava che ormai l’Africa potesse essere afflitta in maniera “cronica” dal virus Ebola. Tale rischio appare, almeno fino ad ora, scongiurato.

“L’assistenza sanitaria in paesi dove le strutture erano carenti, ha consentito di migliorare l’aspettativa di vita fra i contagiati. Con la corretta assistenza medica, un contagiato può guarire dall’ebola. Noi, in attesa che il vaccino per l’ebola sia approvato dalle autorità, continueremo con il nostro lavoro e cercheremo di abbreviare i tempi dei finanziamenti, affinché la distribuzione venga fatta il più rapidamente possibile. Test clinici sono già stati fatti in Guinea e accolti positivamente.

Abbiamo molto da imparare da questa epidemia: cosa ha permesso al virus di propagarsi con tanta rapidità? Cosa ci rende così vulnerabili? Quali eventi possono minacciarci in futuro? Cosa fare per evitarli e per far si che epidemie come questa non si ripetano?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *