Ecco le batterie del futuro: il cellulare si carica in 1 minuto (video)

0

Sono pronte le batterie del futuro: presto ci consentiranno di ricaricare smartphone, tablet e altre diavolerie in un solo minuto. Le batterie tradizionali, dunque, sono destinate ad andare in pensione, almeno stando a quanto ci dicono dall’università di Stanford (California). La notizia è riportata dalla rivista ‘Nature’, che presenta l’accumulatore di nuova generazione, realizzato in alluminio. Le nuove batterie, secondo quanto si legge sulla prestigiosa rivista, sono destinate a sostituire anche le batterie al litio attualmente utilizzate in cellulari, player portatili etc.

Secondo quanto rivela il coordinatore della ricerca effettuata dall’Università di Stanford, il chimico Hongjie Dai, le nuove batterie sono più sicure, meno inquinanti e hanno una durata maggiore. Bati pensare che nei test effettuati, il prototipo utilizzato ha resistito a 7.500 cicli di ricarica senza perdere potenza, mentre le batterie al litio attualmente in commercio, cominciano a perdere in termini di performance già dalla ricarica numero 100. Come se non bastasse, poi, le nuove batterie saranno pure più economiche, poiché l’alluminio è meno costoso del litio.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”17444″]

Secondo ‘Nature’, le nuove batterie in alluminio sostituiranno la maggior parte di quelle utilizzate attualmente: stiamo parlando delle alcaline, tra l’altro molto inquinanti, e quelle agli ioni di litio, che a determinate condizioni possono anche esplodere all’interno dello smartphone. L’alluminio, era da anni considerato un ottimo materiale per la realizzazione delle batterie, anche pe via del basso costo, ma fin qui nessuno aveva ancora messo a punto la tecnologia in grado di sfruttarlo al meglio. Il prototipo di batteria realizzato presso l’Università di Stanford ha l’elettrodo negativo fatto di alluminio (anodo) e quello positivo (catodo) di grafite. Questi due elementi – riporta l’Ansa – sono stati messi in una soluzione di sale liquida a temperatura ambiente e all’interno di polimero flessibile che fa da conduttore (elettrolita).

SHARE