Home » Politica & Feudalesimo » Elezioni politiche 2013: la carica dei giornalisti

Elezioni politiche 2013: la carica dei giornalisti

corradino-mineoLa carica dei giornalisti in politica. Un esercito di “prime firme” che abbandonano la scrivania di una testa giornalistica per andare ad occupare uno scranno in Parlametno. L’ultimo in ordine temporale è Mario Sechi, direttore del Tempo di Roma, che si candida con Monti. Poi c’è  Corradino Mineo, ormai ex direttore di Rainews24 (sostituito da Monica Maggioni) che è capolista in Sicilia al Senato con il Pd e insieme a lui anche il vicedirettore del Corsera Massimo Mucchetti. E ancora, c’è anche il nome di Rosaria Capacchione, giornalista minacciata di morte dalla camorra, anche lei candidata con i democrat. E poi c’è anche Ida Dominijanni, storica firma del Manifesto, candidata in Calabria con Sel.

La “moda” dei giornalisti in politica c’è sempre stata e sempre ci sarà. L’elenco dei precedenti illustri è sterminato. Blogo.it con un pezzo a firma di Salvatore Minniti è andato a rievocare pezzi di storia.

Si va da Alberto Michelini a  PierAntonio Graziani volt noti del Tg1 eletti nelle fila della Dc (Michelini poi anche in quelle di Forza Italia).
Piero Badaloni, anche lui al Tg1, nel ’95 diventa presidente della Regione Lazio per il centrosinistra. E ancora,  Piero Marrazzo anch’egli presidente della Regione Lazio.
Demetrio Volcic, corrispondente e poi direttore del Tg1, eletto senatore per il Pds e poi all’Europarlamento per i Ds. Fabrizio Del Noce, dalla Rai a Forza Italia e ritorno, addirittura come direttore di Rai1 dichiarandosi “sempre di Forza Italia, io non mi riposiziono”. Giuliano Ferrara, direttore de Il Foglio, europarlamentare per il Psi tra il 1989 e il 1994, e poi ministro nel primo governo Berlusconi.

Maurizio Bertucci, sempre dal Tg1, è entrato alla Camera nel ’94 con Forza Italia. Dal Tg1 arrivò in Europa anche Lilli Gruber. Così come Michele Santoro a sua volta si è candidato all’Europarlamento nel 2004, causa inattività indotta dal famoso, improvvido, cosiddetto “editto bulgaro” di Berlusconi.

Furio Colombo fu in Rai negli anni ’50, quindi ha fatto il giornalista, poi il presidente di Fiat Usa, quindi il giornalista, poi il parlamentare per il Pds-Ds tra il 1996 e il 2001, quindi il giornalista come direttore dell’Unità (2001-2005), di nuovo in Parlamento con i Ds nel 2006 e nel 2008, quindi editorialista del Fatto.
E poi ancora, Giuseppe Giulietti fondatore dell’associazione “left oriented” Art. 21,  è sbarcato in politica da viale Mazzini: dai fasti dell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, allo scranno a Montecitorio dal 1994 fino a oggi, sempre nell’orbita del centrosinistra, tra Ds e Italia dei valori.

David Sassoli, anche lui al Tg1 eletto nel 2009 al Parlamento europeo per il Pd, ora in corsa per le primarie del partito a candidato sindaco della città di Roma, elezioni previste nel prossimo aprile.
Il Tg1 è stato un trampolino di lancio anche per il cronista parlamentare Francesco Pionati, nel 2006 in Senato per l’Udc, ora unico rappresentante eletto dell’Alleanza di Centro per la Libertà (movimento costituito con la benedizione del Cavaliere).
Ma di nomi ce ne sarebbero davvero tanti altri ancora. A partire Giancarlo Mazzuca, direttore del Resto del Carlino fino al 2008, quindi eletto nel Pdl fino ad arrivare a Sergio Zavoli, già vicino al Psi, presidente Rai dal 1980 al 1986, eletto al Senato nel 2001 per i Ds, dal 2009 presidente della Commissione parlamentare di vigilanza sulla tv pubblica. E ancora, Roberto Zaccaria, Fiamma NierensteinPaolo Guzzanti,Magdi Cristiano Allam, Corrado Augias, Sandra Bonsanti, Antonio Polito, Flavia Perina e sicuramente ce ne saremo dimenticati qualcuno.

Voi cosa ne pensate dei giornalisti in politica? Per carità, nessuno glielo vieta e non c’è neanche troppo da scandalizzarsi. Forse però avremmo da nutrire qualche dubbio sui giornalisti fino a poche ore fa dichiaratisi imparziali, oppure schierati con quel dato schieramento, salvo poi candidarsi con un altro. E per finire: ma secondo voi questi signori, una volta terminato il loro mandato parlamentare, possono tornare a fare il loro mestiere originale?.

Loading...

Altre Storie

Maltempo Toscana, allerta rossa: scuole chiuse in quasi tutta la Regione [ELENCO]

Toscana nella morsa del gelo e del maltempo, con forte rischio neve. La Protezione Civile ha infatti diramato un’allerta rossa, in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *