Emilia Romagna: consiglieri si rimborsavano anche bagni pubblici e caramelle

0

regione-emilia-romagnaEmilia Romagna. Tra le voci di spesa dei gruppi consiliari regionali si trovano cose turche: scontrini da 50 centesimi per l’utilizzo dei bagni pubblici, acquisti di asciugacapelli, divani letto e bottiglie di vino. Ci sarebbe da non credere se non ricordassimo che siamo pur sempre in Italia, il Paese nel quale la casta si tiene stretti tutti i suoi privilegi e non molla di un millimetro.

Gli inquirenti, che lavorano con la supervisione del procuratore Roberto Alfonso e Valter Giovannini nell’ambito dell’inchiesta per peculato, continuano le indagini sulle spese di tutti e nove i gruppi consiliari, da destra a sinistra: tra le spese pazze, anche penne da 500 euro e pacchetti di caramelle.