Home » Primo piano » Equitalia invia cartella da 155mila euro a nullatenente

Equitalia invia cartella da 155mila euro a nullatenente

“Gentile contribuente, il giorno 03/04/2001 le abbiamo notificato la cartella di pagamento (segue numero identificativo). A tutt’oggi non ci risulta pagato l’importo di Euro 155.848.94. La invitiamo a pagare entro cinque giorni dalla notifica di questo avviso. La avvertiamo che se non pagherà procederemo ad esecuzione forzata”. Questo è il testo di una lettera inviata da Equitalia quest’estate ad una signora di Bari, Mariella nullatenente di 45 anni.

Come riporta ‘bari.repubblica.it’, per comprendere a pieno questa storia bisogna tornare indietro di 12 anni, quando il Tribunale di Bari condanna Mariella ad un anno di carcere, perché relativamente coinvolta in un maxi processo per associazione a delinquere di stampo mafioso. In casa di Mariella furono trovate armi e droga, probabilmente appartenenti al marito, dal quale anni dopo ha deciso di divorziare. Nel 2001, scontata la pena, Mariella torna una libera cittadina. Ora ha una piccola casa in affitto alla periferia della città, dove vive da sola grazie al suo lavoro di parrucchiera.
Il suo reddito – Lo scorso agosto dopo ben 12 anni dalla fine del processo lo stato ha chiesto il pagamento delle spese di quel processo ormai datato attraverso un bollettino postale, “Chissà se ad Equitalia sanno della nuova legge del governo Monti sulla tracciabilità dei pagamenti”, così Leandro Antonacci legale della signora Mariella. “La vicenda è quantomeno curiosa perchè risulta incomprensibile come i tecnici di Equitalia abbiano fatto partire questa onerosa richiesta di pagamento per una donna nullatenente e per un reato che ormai è andato in prescrizione. E pensare – conclude l’avvocato Antonacci – che in una città come Bari la richiesta folle fatta alla signora Mariella non è unica. Questo è solo un caso su centinaia. Mariella ovviamente non pagherà quella cifra, raddoppiata dai ritardi dello Stato. La pagheremo noi contribuenti”.
Loading...

Altre Storie

Cina Shock:Il primo trapianto di testa su cadavere al mondo, è russo il primo volontario

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero a effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Cana vero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *