Home » Politica & Feudalesimo » Facebook: il Pd posta la foto di Impastato, valanga di insulti

Facebook: il Pd posta la foto di Impastato, valanga di insulti

impastato-peppino-fotoTrentacinque anni fa, a Cinisi, in Sicilia, moriva Peppino Impastato. Giornalista, politico, ma soprattutto eroe della lotta alla mafia. Profondamente di sinistra, troppo di sinistra, anche per quei tempi. E allora non stupisce che Peppino Impastato si batté quasi da solo contro Cosa Nostra: soltanto la mamma e i compagni gli furono sempre accanto. E furono loro a lottare contro i depistaggi istituzionali, i quali volevano fare passare l’uccisione di Peppino ad opera di mafiosi come il suicidio di un terrorista che organizzava una strage. La verità giudiziaria sul caso è arrivata solo nel 2001, quando la Corte d’assise ha riconosciuto Vito Palazzolo colpevole e lo ha condannato a trent’anni di reclusione. L’11 aprile 2002 Gaetano Badalamenti è stato condannato all’ergastolo.

Oggi molti profili Facebook ospitano una delle foto più celebri dell’eroe antimafia. Anche il Partito Democratico ha voluto dedicare il proprio spazio sul famoso social network al giornalista ucciso da Cosa Nostra. Ma gli utenti del web l’hanno presa malissimo. La pagina del Pd è stata subito presa d’assalto, con centinaia di commenti in pochi minuti. Gli insulti non si contano. A fare infuriare chi commenta è il fatto che fino a ieri il Pd ha celebrato Andreotti (colluso con la mafia fino al 1980); inoltre viene rimproverata l’alleanza con quel Pdl che ha sempre difeso i politici giudicati vicini alla mafia da sentenze giudiziarie definitive.

“Alleandovi con ladri, fascisti e sopratutto mafiosi o collusi con la mafia avete anche il coraggio di ricordarlo? Un po’ di dignità per favore!“, scrive Cristina.

“Tutto il rispetto per Peppino”, dice Mario, “ma con che faccia postate queste nobili figure e poi vi alleate con un evasore fiscale?”

“Non siete degni di mettere una foto di Peppino Impastato”, scrive Vincenzo, “abbiate almeno il rispetto di Peppino uno che ha pagato con la sua vita per denunciare la mafia”.

I commenti di questo genere sono una valanga. Almeno oggi, quasi nessuno ha il coraggio di difendere il Pd: che fino a ieri celebrava un uomo giudicato colluso con la mafia e oggi ricorda un uomo immenso, simbolo della lotta alla mafia.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Pepe a rischio salmonella: ritirato un lotto a rischio

Pepe nero con tracce di salmonella spp, il batterio responsabile della diffusione della salmonellosi: è questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *