Home » Politica & Feudalesimo » Figlia di Pietro Ichino lavora a Mondadori: “Ma non sono raccomandata”

Figlia di Pietro Ichino lavora a Mondadori: “Ma non sono raccomandata”

Ichino-mondadoriSarà un caso ma Giulia Ichino, figlia del politico Pietro (nella foto a colloquio con il Ministro Fornero) candidato al Senato con la lista per l’Italia di Mario Monti, lavora presso la Mondadori di Berlusconi. Un vespaio di polemiche, dunque, sta travolgendo il dipendente dei cittadini italiani. Ieri, una precaria ha inveito contro la Ichino durante un’assemblea del PD a Roma. La figlia di Pietro Ichino, però, si è così difesa davanti a chi l’accusa di essere raccomandata: “Sono fortunata, non raccomandata. Quando sono stata assunta, nel 2002, mio padre non era un uomo politico conosciuto. Avessi voluto spinte, avrei studiato nel campo di famiglia, Legge”. 

Intervistata dai quotidiani ‘Repubblica’ e ‘Corriere della Sera’, la giovane spiega come sia stata assunta nell’azienda di Berlusconi: “Studiavo all’università con Vittorio Spinazzola e Gianni Turchetta, ho mandato un curriculum alla Mondadori e fortuna ha voluto che si aprisse allora la collana Sis. Ho fatto la correttrice di bozze per un anno, poi una sostituzione maternità e l’assunzione”. “Vivo con un certo disagio la mia fortuna. Certi riferimenti sono stati sgradevoli. Anche perché mi faccio un discreto mazzo”, ha detto sconsolata la Ichino.

Rispondendo direttamente alla ragazza del PD che l’ha tirata in ballo in prima persona, Giulia Ichino replica: “Sarei pronta a rimettere in discussione un po’ delle mie tutele in cambio di maggiori protezioni per tutti. Noi garantiti con il posticino caldo dobbiamo essere pronti a rimetterci in gioco. Mi indigna avere la maternità e la copertura malattia, a differenza di altri”.

Loading...

Altre Storie

Bodybuilder in ospedale con il pene incastrato nei manubri del bilanciere, arrivano i vigili del fuoco a liberarlo

Un culturista abitante della Germania si è trovata ad affrontare uno spiacevole inconveniente a dir …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *