Home » Politica & Feudalesimo » Fiorito, 41 anni, andrà presto in pensione: ecco quanto prenderà
Franco Fiorito

Fiorito, 41 anni, andrà presto in pensione: ecco quanto prenderà

Franco Fiorito

Non c’è fine al peggio nella vicenda Fiorito, il consigliere regionale del Lazio indagato dalla Procura di Roma per le spese folli di questi anni. Quanti soldi aveva a disposizione l’esponente del Pdl? Difficile capirlo con esattezza, ma pare che il consigliere regionale, ogni anno, gestisse circa mezzo milione euro.

Al danno, per i cittadini italiani, già abbastanza disgustati, si aggiunge la beffa. Fiorito, infatti, nonostante sia giovanissimo – ha solo 41 anni, un bambino per la politica nostrana – sarà presto in pensione. Dovrà attendere appena 9 anni!

A riportarlo è anche il Corriere della Sera, che spiega come l’x sindaco di Anagni, a partire dai 50 anni, avrà diritto a incassare un vitalizio di ben 4mila euro al mese. Vitalizio che spetta a tutti gli ex consiglieri della Regione Lazio!  “Tutto questo – spiega il Corriere – grazie ad un emendamento proposto proprio dallo stesso Fiorito (che chiedeva l’indicizzazione) e approvato nel dicembre scorso in Commissione Bilancio del Consiglio regionale da: Pdl, Udc, Lista Polverini e Lista Storace. L’emendamento Fiorito incassò il parere favorevole anche dell’assessore al Bilancio, Stefano Cetica, uno dei 14 assessori esterni della giunta Polverini a percepire il vitalizio”. E i tagli ai vitalizi votati dalla Regione e tanto sbandierati dalla Polverini? Entreranno in vigore solo a partire dalla prossima legislatura, sempre che i prossimi consiglieri non decidano di reintrodurre il privilegio…

Intanto nella Regione Lazio è ancora caos. Maggioranza e opposizione si accusano a vicenda. Renata Polverini, che si è già assolta da sola in televisione, si vanta di avere cacciato i ladroni e di essersi dimessa. Ma non è assolutamente vero! La Polverini non si è mai dimessa ufficialmente, non c’è nessuna carta che lo attesti, come spiegano oggi tutti i giornali. Non solo: l’ex capo dell’Ugl ha provveduto a fare altre nomine dirigenziali e si appresta a varare altri provvedimenti.

Loading...

Altre Storie

Gentiloni si piega agli scafisti Nessun blocco navale in Libia

Il blocco navale è «escluso». Sarebbe, spiega Roberta Pinotti, «un atto ostile» nei confronti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *