Home » Politica & Feudalesimo » Fiorito torna in libertà dopo lo scandalo della Regione Lazio
Franco Fiorito

Fiorito torna in libertà dopo lo scandalo della Regione Lazio

Franco Fiorito
Franco Fiorito

Franco Fiorito torna in libertà. L’ex capogruppo del PDL della Regione Lazio, dopo più di cinque mesi tra carcerazione preventiva e domiciliare per lo scandalo che portò alla fine della Giunta di Renata Polverini, è di nuovo un uomo libero. Non sussistono più le esigenze cautelari che giustificavano la custodia presso il domicilio di Anagni (Frosinne) da parte dell’esponente politico del Popolo della Libertà: questo quanto stabilito dal gip Rosalba Liso, la quale ha accolto le richieste degli avvocati di Fiorito, Carlo Taormina ed Enrico Pavia.

“Er Batman” è accusato di peculato per aver messo nelle proprie tasche circa 1 milione e 400 mila euro dei fondi destinati al gruppo consiliare. Questa ingente somma di denaro è stata spesa per cene di lusso, acquisto di un Suv nel febbraio 2012, durante l’emergenza neve, lampadari e viaggi di piacere. Fiorito ha sempre respinto le accuse che gli sono state mosse, negando il proprio coinvolgimento in tali vicende. Anche i soldi rintracciati sui suoi conti esteri, a detta di Fiorito, derivavano dal cumulo delle cariche che ricopriva (Fiorito era capogruppo e tesoriere del PDL, nonché membro della Commissione Bilancio). I pm, però, non credono a questa versione dei fatti e, pertanto, la loro accusa si basa proprio sul fatto che la cospicua somma di danaro sia stata intascata in maniera fraudolenta e che essa non abbia alcun collegamento con le finalità relative ai gruppi consiliari.

Loading...

Altre Storie

Meteo, le previsioni dal 24 al 26 novembre

Ma sarà mercoledì la giornata più intensa di maltempo. E’ arrivato il weekend che le previsioni meteo dei principali siti …

2 comments

  1. Ok MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

    Belin che VERGOGNA di certo “forse” avrà parlato..svelato altri nomi per uscire fuori..Comunque resta una assoluta VERGOGNA ITALIANA che di fatto continua in più Uffici Comunali, Enti Pubblici ,Uffici di Regione anche del nord Italia di Liguria, Piemonte, Lombardia ecc.
    Morando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *