Home » Politica & Feudalesimo » Gentiloni: da Bruxelles polemiche inutili, non partecipiamo

Gentiloni: da Bruxelles polemiche inutili, non partecipiamo

Ma il presidente della Commissione Ue venerdì scorso ha sostanzialmente perso le staffe a causa dei troppi malintesi nati nel corso del tempo perché “Bruxelles – ha detto Juncker – non ha un interlocutore per dialogare con Roma sui dossier più delicati”. Sembra quasi che l’Italia sia sprovvista di un governo. Ed ha aggiunto: “Io capisco che Federica Mogherini abbia l’obbligo di fedeltà al collegio dei commissari, vedo però che molti dei suoi colleghi che dovrebbero rappresentare l’Europa quanto lei non perdono occasione per difendere gli interessi nazionali”. Secondo voci filtrate da fonti Ue, dai piani alti delle istituzioni europee hanno fatto sapere come la Commissione resti amica dall’Italia, così come lo stesso Juncker.

Roma – Continuano i malumori tra il governo italiano e la Commissione europea, nonostante gli appelli al buonsenso lanciati dal ministro Paolo Gentiloni, al suo arrivo al Consiglio degli Affari Esteri, e le rassicurazioni dell’Alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogheriniche ribadisce quanto siano dalla stessa parte Italia ed Europa su temi quali economia e migranti.

Si sta sui dossier più importanti, non si inseguono le polemiche, tanto meno quando queste sono alimentate da fonti anonime, questa la risposta del governo italiano dopo il nuovo attacco del presidente della Commissione Europea. Poi scherzando ha sottolineato che essere “capo della diplomazia significa essere diplomatici e non articolare ulteriormente su questa questione”.

Gentiloni: a Roma c’è un governo – “A Roma c’è un governo, si discute“. Gli interessi dell’Italia edell’Unione europea quindi “coincidono” e “in particolare sulla flessibilità in campo economico e sull’immigrazione l’Italia e la Commissione lavorano per raggiungere gli stessi obiettivi”. “Non dev’essere un favore, ma una opportunita’ che si attua se ci sono le condizioni, altrimenti no. E questo vale per tutti, non solo per l’Italia“.

Intervistata da Minoli per Radio24, la Bonafè (foto a lato) ha detto: “Devo ammettere che le ultime prese di posizione sullo scontro Renzi-Juncker della Mogherini mi sono sembrate un eccesso, mi hanno ricordato il detto fatta la festa gabbato lo santo“.

Ora, i più attenti di voi si saranno già accorti che in Italia c’è un governo a cui è stata votata la fiducia dal Parlamento: se proprio a Bruxelles cercano un interlocutore possono rivolgersi tranquillamente a Palazzo Chigi, Piazza Colonna, 370, 00186 Roma (prendono anche le raccomandate con ricevuta di ritorno, pensate!).

Loading...

Altre Storie

Gentiloni si piega agli scafisti Nessun blocco navale in Libia

Il blocco navale è «escluso». Sarebbe, spiega Roberta Pinotti, «un atto ostile» nei confronti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *