Grillo denuncia De Luca: “In Campania si torni al voto”

0

Beppe Grillo, leader carismatico del M5S, attacca Vincenzo De Luca e il PD. Nonostante dichiarato impresentabile dalla Commissione antimafia presieduta da Rosy Bindi, il Partito Democratico ha deciso di candidare ugualmente l’ex sindaco di Salerno. Avendo vinto le elezioni regionali in Campania, è ora giallo sulla possibilità di De Luca di governare, dovendo essere sospeso per via della Legge Severino. Per questo motivo, il comico genovese ha pubblicato un post sul suo blog Beppegrillo.it:

Candidare Vincenzo De Luca, impresentabile per la commissione Antimafia, ineleggibile in conseguenza della legge Severino, è uno spregio del Pd nei confronti dei cittadini campani. De Luca – aggiunge Grillo – non potrà governare e verrà sospeso non appena ufficialmente eletto. La Campania sarà quindi paralizzata? Esiste solo una soluzione: ritornare subito al voto. Non potrà fare una giunta, neppure un atto amministrativo perché sarà già decaduto. La Campania sarà quindi paralizzata.

E non è tutto, perché per rispondere alla querela contro Rosy Bindi, il Movimento 5 Stelle ha denunciato a sua volta De Luca per “minaccia a corpo dello Stato”, come dichiarato dalla parlamentare Fabiana Dadone.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”18220″]

Non è d’accordo con Grillo, invece, Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Anticorruzione, secondo cui De Luca potrà insediarsi e solo dopo si dovrà applicare la Severino. Cantone, dunque, sostiene che De Luca non potrà decadere, non essendo la condanna nei suoi confronti definitiva: al massimo potrà essere sospeso.

De Luca vs Bindi: trasmessa la denuncia

Intanto, la Questura di Salerno, scrive ‘Tgcom’, ha trasmesso la denuncia sporta da Vincenzo De Luca contro Rosy Bindi alla Procura di Roma: le motivazioni della denuncia querela sono di diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali e abuso d’ufficio.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”18216″]

Loading...