Home » Politica & Feudalesimo » Grillo e Casaleggio, non distruggete il Movimento 5 Stelle

Grillo e Casaleggio, non distruggete il Movimento 5 Stelle

Provo molta simpatia per il Movimento 5 Stelle, fatto in larghissima parte da gente per bene, onesta, preparata, disgustata dalla politica tradizionale e desiderosa di fornire un contributo alla democrazia in questo paese allo sbando. Il movimento voluto da Beppe Grillo ha ottenuto un successo impensabile alle ultime elezioni amministrative, ma non bisogna dimenticarsi che già alle regionali dello scorso anno era riuscito a piazzare dei propri rappresentanti nei consigli. Il prossimo obiettivo è entrare in Parlamento. Si votasse oggi, ci riuscirebbe senza fatica. Alcuni sondaggi danno addirittura il movimento al 18%, davanti persino al Pdl e non lontano dal Pd. Numeri che si commentano da soli. Ma è chiaro che questi stessi numeri saranno influenzati, in negativo o in positivo, da ciò che combineranno i sindaci appena eletti. Gli occhi sono puntati soprattutto su Parma, ribattezzata “Stalingrado”, unico capoluogo di provincia amministrato dal 5 Stelle.

Il neo Sindaco Federico Pizzarotti è deciso a nominare direttore generale del comune Valentino Tavolazzi. Chi è? Tavolazzi è un esperto di pubblica amministrazione e in particolari di bilanci e, dietro le quinte, ha aiutato lo stesso Pizzarotti nella campagna elettorale. Perché dietro le quinte? Per il semplice motivo che qualche mese fa è stato cacciato dal 5 Stelle. Tavolazzi non è gradito a Beppe Grillo, che lo considera una sorta di infiltrato, uno che “vuole spaccare il Movimento”. La posizione del comico genovese è, naturalmente, la stessa della Casaleggio. Per quei pochi che non lo sapessero, la Casaleggio è un’azienda che si occupa di editoria elettronica e web marketing. Cura diversi siti web, tra cui quello di Beppe Grillo, e fa consulenza a grandi società.

Ora, lavorare nel settore della comunicazione non è un reato, né è qualcosa di immorale. Ma non si capisce per quale motivo la Casaleggio dovrebbe avere voce in capitolo rispetto alla scelta del direttore generale di Parma. Allo stesso modo, non spetta al blogger genovese stabilire se Tavolazzi deve o meno ricoprire quel ruolo. La questione è, in fondo, semplicissima: a decidere deve essere e non può che essere il Sindaco di Parma. Il quale ha detto mille volte che sceglierà dirigenti e collaboratori esclusivamente in base al merito e alla compatibilità politica. Siamo d’accordo. Agisca così.

Grillo e la Casaleggio – scusateci l’ovvietà – hanno avuto un ruolo determinante (eufemismo) nella vittoria di Pizzarotti. E il 18% dei sondaggi è un risultato stratosferico, “al limite del paranormale”. Sta a dimostrare che il cambiamento, anche in questo paese economicamente ed eticamente a pezzi, è possibile, anzi è in parte avvenuto. Per favore: non distruggete il “giocattolo” proprio ora. Sarebbe un regalo alla vecchia politica. Sarebbe un rafforzare lo status quo e dare ragione ai reazionari di cui il paese pullula. Sarebbe un errore imperdonabile.

Loading...

Altre Storie

Cina shock: primo trapianto di testa su un cadavere, è russo il primo volontario vivente

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ad effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Canavero metterà …

One comment

  1. Caro Cooper Theory, da un leader carismatico cosa ti aspettavi? Eppure in Italia abbiamo tanta esperienza in proposito: Mussolini, Berlusconi, Bossi
    A me Grillo spaventa, soprattutto dopo la sua dichiarazione che sarebbe meglio tornare alla lira magari svalutata del 40 o 50%. Se questa è la sua competenza, si salvi chi può, perchè, ne sono certo, lui i pied al caldo li ha già

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *