Home » Primo piano » Ha stuprato Mohamed ed Elias, Silvio S. incastrato anche dalle telecamere

Ha stuprato Mohamed ed Elias, Silvio S. incastrato anche dalle telecamere

Un uomo ha confessato il rapimento, lo stupro e l’omicidio di un bambino di quattro anni, figlio di migranti, così come l’uccisione di un secondo bambino.
La polizia di Berlino ha arrestato un 32 enne, conosciuto solo come Silvio S, per la scomparsa di Mohamed Januzi.
Procuratori tedeschi dicono che ha confessato durante l’interrogatorio di aver ucciso il bambino bosniaco di nome Mohamed, e un altro bambino di sei anni di nome Elias, scomparso nel mese di luglio a Potsdam, poco lontano dalla capitale tedesca.

Silvio S è stato arrestato dopo che la madre ha detto alla polizia che era coinvolto nel rapimento del piccolo Mohamed. Il corpo del bambino, la cui famiglia cercava asilo in Germania, è stato poi trovato chiuso in una nel bagagliaio della sua auto.
Mohamed era scomparso il primo di ottobre, mentre era in attesa davanti agli uffici del programma di governo per l’assistenza sociale con la madre e i due fratelli. La polizia ha rilasciato delle riprese video che mostrano il piccolo Mohamed allontanarsi dagli uffici mano nella mano con un uomo non identificato.
elias
Il Procuratore di Berlino Michael von Hagen ha detto che il sospetto ha ammesso di aver portato Mohamed a casa sua, di averne abusato sessualmente, e di averlo strangolato il mattino dopo, poiché non voleva smettere di piangere. Heinrich Junker, procuratore capo dello stato orientale del Brandeburgo, ha detto che l’uomo aveva anche confessato di aver rapito e ucciso un altro bambino di nome Elias.
Il sospetto non ha fornito ulteriori dettagli sulla morte, né di aver abusato sessualmente di Elias, ma ha detto alla polizia di aver seppellito il corpo del bambino e ha dato uno schizzo della sua posizione. La polizia ha potuto così trovare il corpo di Elias nel giardino sul retro della sua abitazione.

I media tedeschi hanno riferito che la polizia sta indagando per scoprire se l’uomo può essere collegato anche alla scomparsa di una bambina di 5 anni Inga, dello stato orientale della Sassonia-Anhalt, che è scomparsa a maggio.
La polizia ha comunicato inoltre che non vi erano indicazioni circa l’appartenenza del sospetto a qualsiasi movimento di estrema destra o con i gruppi xenofobi.

Loading...

Altre Storie

Postino ruba 15 mila euro, sentenza shock del giudice: “Riassumere il dipendente perché licenziato troppo tardi”

Rubare sul lavoro si può?Che l’Italia sia un Paese talvolta davvero molto curioso, lo attesta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *