Home » Varie & Avariate » I dieci oggetti più rubati al partner dopo l’avventura di una notte

I dieci oggetti più rubati al partner dopo l’avventura di una notte

coppiaC’è chi la chiama “una botta e via”, chi invece usa espressioni del tipo “notte focosa” o altro ancora. A molti sarà capitato nella vita di trascorrere un’avventura di notte, momenti di piacere magari anche con degli sconosciuti. E poi non è finita qui, perchè poi si inizia con i pettegolezzi sul lavoro o in palestra. “é stato bello farlo con lui”, “l’abbiamo fatto per tot.minuti e in quella determinata posizione”

Un sondaggio realizzato in Gran Bretagna e riportato sul blog de “L’Inkiesta.it di Serena Cappelli” ci dice dell’altro ancora e più precisamente che “una persona su due tende a portarsi a casa un souvenir della nottata, o per un reale bisogno (???) o per esibire l’oggetto come prova davanti gli amici. Ma c’è differenza tra uomo e donna, perché, si sa, i reali bisogni sono necessariamente diversi.

Questi sono i dieci oggetti più rubati dagli uomini:
1. un paio di mutandine (25%)
2. un reggiseno (24%)
3. cibo (22%)
4. sigarette (18%)
5. alcol (17%)
6. una foto (17%)
7. un cd o un dvd (15%)
8. un caricatore per il cellulare (10%)
9. preservativi (9%)
10. soldi (8%)

Questi, invece, i dieci oggetti più rubati dalle donne:
1. un maglione caldo (23%)
2. soldi (21%)
3. uno spazzolino da denti (19%)
4. sigarette (17%)
5. un cd o un dvd (16%)
6. una foto (15%)
7. un paio di mutande (14%)
8. un orologio (9%)
9. una maglietta (8%)
10. cibo (5%)

E voi quali, fra questi oggetti, sareste tentati a “sgraffignare” e andarvene?

Loading...

Altre Storie

“Ho preso una sigaretta da un alieno”: Cannabis shock, bambino ricoverato grave intossicazione

E’ accaduto a Milano, dove un bambino di 7 anni è risultato intossicato dalla cannabis. La notizia …

One comment

  1. Posso solo dire con sollievo che ho trovato qualcuno che sa realmente di cosa sta parlando! Lei sicuramente sa come portare un problema alla luce e renderlo importante. Dovrebbero leggerlotutti per capire questo lato della faccenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *