Home » Economia & Caste » I dipendenti fannulloni del Senato beccati da Le Iene [Video]

I dipendenti fannulloni del Senato beccati da Le Iene [Video]

fannulloni-senato-ieneTra i dipendenti del Senato, profumatamente pagati con i soldi dei cittadini, ce ne sono parecchi che anziché lavorare, durante le ore in cui si trovano sul posto di lavoro, si trastullano allegramente. Lo rivela un servizio de Le Iene confezionato da Filippo Roma e andato in onda nella puntata di ieri sera. Durante l’orario di lavoro, le telecamere Mediaset hanno ripreso lavoratori pubblici intenti a tutto tranne che a svolgere le proprie mansioni.

Alcuni uscieri trascorrono il tempo a comprare case e oggetti di valore su Internet, altri scaricano film illegalmente (diversi Gigabyte di video), altri ancora si dilettano con alcuni videogiochi. Ci sono dipendenti del Senato che ammettono senza problemi di fare così perché in esubero e non sanno cosa fare. Una motivazione simpatica in tempi di spending review: mentre il premier Renzi toglie benzina alle auto della polizia e dei carabinieri, mentre diminuisce il budget a disposizione dell’antimafia, abbiamo in Senato personale in esubero pagato profumatamente. Alcuni di loro, addirittura, ammettono di avere un secondo lavoro da 1.230 euro extra al mese.

Un dipendente del Senato, ricorda il servizio de Le Iene, viene remunerato con 150mila euro annui, circa 5 volte la paga media di un dipendente pubblico italiano e quasi quattro volte in più rispetto allo stipendio di un dipendente del parlamento inglese.

Il video de Le Iene che mostra i fannulloni vergognosi del Senato

Loading...

Altre Storie

Influenza shock: è allarme in Europa, in arrivo virus del “vomito e diarrea”

Mentre le temperature precipitano, i funzionari delle istituzioni sanitari britanniche lanciano l’allerta sostenendo che quest’anno …

5 comments

  1. Avete visto il servizio? Sii dice chiaramente che il Senato è chiuso quando vengono girate quelle scene. Chiuso. Mi sembra che a Senato CHIUSO e con il servizio di mero presidio non ci sia granché di strano.

  2. Il Senato è chiuso, ma tu sei in servizio… e DEVI lavorare. Altrimenti stai a casa se non c’è nulal da fare e non percepisci stipendio per i giorni in cui il Senato è chiuso. Che discorsi sono.

    • Dunque vediamo il Senato è chiuso. Ovviamente deve essere possibile riattivarlo nel giro di poche ore in caso di urgenza, cosa che succede piuttosto spesso spesso.
      In questo caso si lascia un gruppo di persone a presidiare così si può riattivare il tutto in breve.
      La tua idea, se ho capito bene, è chiudere e andare tutti a casa.
      Ah senza stipendio perché il Senato è chiuso

      • Visto che dunque lo si deve poter riattivare in poco tempo, meglio essere pronti piuttosto che piratare film o acquistare e vendere prodotti su ebay… Siamo seri su…

        • E appunto cerchiamo di essere seri e di accendere il cervello.
          Nel video si capisce chiaramente (perché viene DETTO) che a piratare i film è un collega della persona che ha girato il video e non un Assistente parlamentare.
          La risposta dell’Assistente parlamentare è anzi ben degna “Ma il mio collega gli ha detto, queste cose le vai a fare fuori di qui”
          Anzi veniva detto visto che il video con gli errori di montaggio, ovvero che conteneva le frasi che scagionavano i pericolosi assistenti parlamentari è sparito, sul sito delle Iene non c’è più.
          Se poi vogliamo berci ogni caxxata che viene detta anche quelle evidentemente false come questa, liberissimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *