Home » Politica & Feudalesimo » Il 10% dei parlamentari si droga? Per Calderoli sono molti di più

Il 10% dei parlamentari si droga? Per Calderoli sono molti di più

Orlando Ranaldi, 53 anni, Direttore delle Poste del Senato, fino a ieri, ad eccezione dei frequentatori dei palazzi della politica romana, non lo conosceva nessuno. Ma il buon Ranaldi da un paio di giorni è finito nell’occhio del ciclone dell’opinione pubblica. Il suo nome compare addirittura nelle indagini su una banda di spacciatori di cocaina. Un pusher, uno spacciatore, un drogato a dirigere le Poste del Senato. La vicenda appare aberrante, così come appare assordante il muro di omertà e il silenzio che sta coinvolgendo molti senatori. In molti dicono addirittura di non averlo mai visto. Ecco cosa si evince dall’articolo di ieri di Annalisa Cuzzocrea, firma di Repubblica. “Io ho sempre trattato con una donna”, afferma Marco Stradiotto del Pd. “Magari lui stava dietro – aggiunge – e poi sono tra quelli che hanno fatto l’esame del capello quando lo propose Giovanardi. Droga qui? Ma non vede? Hanno una certa età, sono così tranquilli”. C’è poi però un senatore che rimane anonimo e che all’agenzia Dire dice: “Qui il 10% di noi si droga”.

E poi arriva l’intervento in aula di Roberto Calderoli, senatore ed ex vicepresidente del Senato: “Se il presidente del Senato vuole escludere qualsiasi tipo di coinvolgimento dell’istituzione che presiede in un fatto di questa gravità, dovrebbe disporre un ordine per consentire il pieno accesso agli operatori di polizia giudiziaria”. E ancora, ma stavolta fuori dall’aula di Palazzo Madama, sempre Calderoli: “Non credo che negli uffici del Senato possano trovare qualcosa che vada oltre l’uso personale, ma non so cosa facesse e chi fosse questo signore: bisogna guardare dove custodiva qualcosa”. E alla domanda della Cuzzocrea sul 10% dei senatori che fanno uso di droga l’esponente leghista risponde: “Mi sembra poco”. In molti hanno paura di perdere la faccia, del discredito, di veleni e sospetti attorno ad una vicenda che ha del clamoroso. E il muro di omertà, attorno alla figura del pusher Ranaldi, è destinato ad aumentare in maniera esponenziale.

Loading...

Altre Storie

Gentiloni si piega agli scafisti Nessun blocco navale in Libia

Il blocco navale è «escluso». Sarebbe, spiega Roberta Pinotti, «un atto ostile» nei confronti di …

2 comments

  1. Piccolo Scrivano Malandrino

    Bisogna capirli, poveretti: guadagnano un sacco di soldi, non fanno una mazza tutto l’anno…
    Si annoiano, povere stelline.

  2. Ma se li guardate bene in faccia e ascoltate quello che dicono vi accorgerete che sono quasi tutti drogati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *