Home » Primo piano » Il rimpatrio di due Tunisini con lo scotch sulla bocca

Il rimpatrio di due Tunisini con lo scotch sulla bocca

Episodio sconcertante sul volo Roma – Tunisi partito da Fiumicino alle 09:20 di questa mattina. In fondo all’aereo erano seduti due tunisini bloccati con delle fascette ai sedili e sopratutto con la bocca tappata con del nastro adesivo. I due erano sorvegliati erano accompagnati da due persone apparentemente appartenenti alle forza dell’ordine, anche se in borghese, che non si sono fatte identificare con alcun tesserino. Uno dei passeggeri Federico Sperandeo appena si reso conto di come venivano costretti a viaggiare questi due extracomunitari evidentemente destinati al rimpatrio, ha protestato sia con i poliziotti che con lo steward di bordo dell’Alitalia, ma si è sentito rispondere che questa era una “normale” procedura.

Una volta arrivato a Tunisi, Sperandeo è riuscito di nascosto a scattare una foto di uno dei uomini e l’ha subito pubblicata sul proprio profilo di Facebook. Il meccanismo delle condivisioni ha fatto il resto, diffondendo questa immagine a macchia d’olio sulla rete e arrivando così anche ai maggiori organi di stampa che hanno ripreso la notizia. Adesso si è scatenata l’indignazione della politica, ma anche del capo della polizia Antonio Manganelli che evidentemente non era a conoscenza di queste “normali procedure”. Speriamo vivamente che qualcuno venga chiamato a rispondere per questo atto di barbarie e che non si ripeta mai più.

Loading...

Altre Storie

Influenza shock: è allarme in Europa, in arrivo virus del “vomito e diarrea”

Mentre le temperature precipitano, i funzionari delle istituzioni sanitari britanniche lanciano l’allerta sostenendo che quest’anno …

One comment

  1. Questo Sperandeo, non e stato mai truffato violentato rapinato da questa gente che viene in Italia a godersi le leggi permissive.
    Io avevo affittato una casetta a uno di questi, mi ha pagato solo il primo mese, consapevole che la legge Italiana permette a questa gentag…. di fare i porci comodi, sono dovuto andare dall’avvocato e dopo un anno sono riuscito a buttarlo fuori con un aggravio di spesa di molte migliaia di euro.
    Io li sbatterei tutti fuori facendoli viaggiare nei carri bes…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *