Home » Scienze & Ignoto » Il sonno interrotto danneggia l’umore: meglio dormire poco e bene che tanto e male
sonno interrotto

Il sonno interrotto danneggia l’umore: meglio dormire poco e bene che tanto e male

La qualità del sonno può essere più importante della quantità, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Johns Hopkins Medicine che dimostra come il sonno interrotto sia il peggior nemico del nostro buon umore.

La ricerca suggerisce che svegliarsi più volte durante la notte è molto più dannoso per la nostra psiche rispetto a dormire per una quantità ridotta di tempo ma senza interruzioni.

Come riportato nel numero di novembre della rivista Sonno, 62 uomini e donne sani sono stati sottoposti in modo casuale a tre condizioni sperimentali: dormire tre notti consecutive risvegliandosi sempre in maniera forzata, andare a letto tardi, o avere un sonno ininterrotto. I soggetti hanno poi risposto ad un questionario di valutazione dell’umore standard prima di andare a letto la notte seguente, per misurare la varietà di emozioni positive e negative, come l’allegria e la rabbia.

I partecipanti sottoposti a otto risvegli forzati e quelli che avevano dormito una minor quantità di tempo, hanno mostrato uno stato d’animo molto simile, di alta negatività. Differenze significative sono emerse però dopo la seconda notte: Il gruppo del sonno interrotto ha avuto una riduzione del 31% delle risposte positive al test, mentre il gruppo che aveva dormito poco ma ininterrotamente solamente del 12. I ricercatori hanno detto che ciò suggerisce che il sonno interrotto sia particolarmente dannoso per il buon umore.
sonno interrotto
Sono inoltre stati somministrati dei test di polisonnografia mentre i soggetti dormivano per monitorare alcune funzioni cerebrali e del corpo e valutare le fasi del sonno. Rispetto al gruppo che ha dormito poco, il gruppo del sonno interrotto ha avuto soltanto brevi periodi di sonno ad onde lente. La mancanza di sonno ad onde lente è stata associata, con una percentuale statisticamente significativa, alla riduzione del buon umore, secondo i ricercatori.
Gli studiosi Hanno anche scoperto che il sonno interrotto ha influito diversi stati della psiche; ha ridotto i livelli di energia, ma anche i sentimenti di simpatia e cordialità.

Patrick Finan, autore principale dello studio e assistente professore di psichiatria e scienze comportamentali presso la Facoltà di Medicina, afferma che lo studio suggerisce inoltre che gli effetti negativi del sonno interrotto sull’umore possono essere cumulativi, in quanto le differenze all’interno del gruppo sono emerse dopo la seconda notte e il malumore è proseguito il giorno dopo la terza notte di studio.

“Quando il sonno è interrotto per tutta la notte, non si ha la possibilità di progredire nelle fasi del sonno per raggiungere lo stato di sonno a onde lente, che è la chiave della sensazione del riposo.”

Frequenti risvegli durante la notte sono comuni tra i neo genitori e gli operatori del servizio di guardia sanitario. E’ anche uno dei sintomi più comuni tra le persone con insonnia.

Loading...

Altre Storie

Vitamina D, livelli bassi possono portare alla Sclerosi Multipla

Oggi parleremo di quali sono i rischi della carenza da vitamina D. Come forse saprai, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *