Immigrazione clandestina, blitz Gdf Prato: 34 misure cautelari

indaginecollettibianchi-2L’associazione era finalizzata in particolar modo al rilascio di falsi permessi di soggiorno a cittadini stranieri, sopratutto di nazionalità cinese. Il Nucleo di polizia tributaria sta eseguendo una ordinanza di custodia cautelare comprensiva di 34 misure cautelari personali (3 ordinanze di custodia cautelare in carcere, 12 agli arresti domiciliari e 19 obblighi di dimora); 111 i decreti di perquisizione emessi nei confronti di 83 indagati in cinque regioni (Toscana, Lombardia, Veneto, Campania e Abruzzo). Le tre persone finite in carcere sono un commercialista e un consulente del lavoro, entrambi italiani, e un cittadino cinese: due sono stati arrestati a Prato, il terzo in Veneto.

Blitz della Guardia di finanza di Prato contro lo sfruttamento di manodopera e l’immigrazione clandestina.

L’operazione, denominata “colletti bianchi“, condotta su delega dei sostituti Procuratori della Repubblica, Antonio Sangermano e Lorenzo Gestri, su coordinamento del Procuratore Capo, Giuseppe Nicolosi, ha coinvolto uomini di svariate professionalità: professionisti, imprenditori, sia cittadini italiani che cinesi.

Pesantissime le accuse formulate nei loro confronti: associazione per delinquere, truffa aggravata all’Inps, induzione alla falsità ideologica commessa da Pubblico Ufficiale in atti pubblici, violazione alla normativa sul rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno, oltre alle violazioni della normativa in materia di immigrazione clandestina.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*