Home » Cronaca & Calamità » Va in ospedale a curarsi: i nomadi le occupano la casa

Va in ospedale a curarsi: i nomadi le occupano la casa

"Smart" Police Car ;-)Incredibile disavventura per un’anziana di Mestre, ricoverata in una struttura sanitaria locale. La figlia è stata avvisata da una vicina che con una telefonata l’ha allertata: “Vieni ho visto delle persone arrampicarsi sul terrazzino e forzare la portafinestra della casa di tua mamma”.

La 93enne abita in una palazzina di via Camporese, nel Rione Pertini: si tratta di un’abitazione dell’Ater in cui risiede da molti anni e per la quale continua a pagare l’affitto, anche se si trova ricoverata in una struttura sanitaria per una frattura che le impedisce di muoversi. Ebbene, approfittando dell’assenza prolungata dell’anziana, una famiglia di nomadi si è insediata nell’appartamento con la pretesa di rimanerci nonostante all’interno ci siano mobili, vestiti e affetti della signora.

Quando sono arrivata sabato sera mi sono trovata di fronte ad una scena allucinante – racconta la figlia dell’anziana – in terrazzino che fumava una sigaretta c’era una donna in avanzato stato di gravidanza e un bambino.

Una volta chiamata la polizia, la famiglia di nomadi ha opposto resistenza, affermando di non aver alcuna intenzione di lasciare l’abitazione:

Diceva ai poliziotti che siccome era incinta nessuno poteva toccarla – continua il racconto della figlia – e che aveva bisogno di una casa per crescere i suoi figli, il piccolino e quello che portava in grembo.

Solo dopo qualche ora gli inquilini illegali hanno lasciato la casa. I condomini segnalano che si tratta della terza occupazione abusiva in pochi giorni nella stessa palazzina.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

4 comments

  1. e dargli fuoco a sta gente ?

  2. succede sempre più spesso,a chi si allontana da casa anche per qualche breve vacanza,

  3. oramai non viviamo più in uno Stato di diritto, purtroppo

  4. NEL NOME DELLA liberta’ SI è COSI CAPOVOLTA LA MORAE DEL DIRITTO E DOVERE CON QUELLO DEL POTERE.-
    UN ONOREVOLE EBBE A DIRE NON è CHI RUNA IL COLPEVOLE è CHI SI Fà RUBARE. ????????????????????un incentivo a tutte le TV. di controllo ed altro…. Vari “guarda spalle” istituti di vigilanza … UN POEMA.!
    ALTRO LADRO INCASA — CHIUSO IN UNO STANZINO – CONDANNATO PER SEQUESTRO DI PERSONA .
    I CASI SONO MIGLIAIA . “NEL NOME DELLA LIBERTA”‘
    IN AMERICA “LA PROPRIETà PRIVATA è SACRA!
    ANCHE IN ITALIA IN ALTRO PERIODO STORICO ED ANCHE PRIMA NEI SECOLI…. MA OGGI SIAMO LIBERI E DEMOCRATICI .!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *