Inps, il 42% dei pensionati percepisce meno di 1.000 euro mensili

0

Secondo il rapporto annuale stilato dall’Inps oltre 6,6 milioni di pensionati italiani, cioè circa il 42%, percepisce meno di 1.000 euro al mese. Nel 2014 sono stati destinati per loro 50 miliardi di euro, vale a dire il 18,9% della spesa complessiva. I 21,7 miliardi di ripianamento dei debiti, dovuti dall’ex Inpdap allo Stato, si sono sommati al patrimonio netto di 9,028 miliardi di euro del’istituto di previdenza nel 2013. Il patrimonio complessivo in teoria sarebbe dovuto essere di 30,7 miliardi, ma a causa dei risultati negativi il patrimonio netto è crollato fino a 17,9 miliardi. Risulta un disavanzo finanziario di 7,8 miliardi nel 2014, frutto dei risultati diversi delle ultime gestioni amministrate.

In modo particolare c’è un notevole squilibrio nella gestione ex Inpdap per le casse dei dipendenti degli enti locali (circa 6 miliardi). Anche gli artigiani non se la passano bene, il loro passivo ammonta a circa 5-6 miliardi di euro. Meglio il settore dei dipendenti privati, che mantiene un sostanziale equilibrio. Bene il settore dei lavoratori parasubordinati, che ha fatto registrare un importante passo avanti con un avanzo di circa 7-8 miliardi di euro.

Il sistema di sicurezza sociale non è a rischio

Nonostante l’esercizio negativo di 12,7 miliardi ed un disavanzo finanziario di competenza di 7,8 miliardi, l’Inps riferisce che il sistema di sicurezza sociale non è a rischio. Con il piano di ripianamento dei debiti di 21,7 miliardi versati dall’ex Inpdap allo Stato, il patrimonio netto ha fatto un balzo da 9,028 a 17,952 miliardi di euro.

Gli ultimi resteranno sempre più ultimi

Ovviamente sono sempre le classi più deboli economicamente ad essere colpite da questa crisi senza fine. Secondo il rapporto annuale dell’Inps i più poveri in termini di reddito hanno perso il 27% totale del reddito disponibile rispetto al 2008, mentre le classi più ricche hanno perso solo il 5%. La fascia di età più colpita va dai 50 ai 59 anni, con un aumento dal 18% al 25% delle persone povere tra la popolazione.

Loading...
SHARE