Instanbul colpita da violento attentato terroristico: kamikaze si fa esplodere nella piazza Sultanahmet e causa numerosi morti e feriti

Un nuovo attentato terroristico, rivendicato dall’Isis, ha avuto luogo nella giornata di ieri 12 gennaio 2016 nella piazza Sultanahmet della città di Instanbul, considerata il principale centro industriale, finanziario e culturale della Turchia. Nello specifico ecco quanto accaduto.

Un giovanissimo kamikaze di origine saudita di 28 anni si è fatto esplodere nel cuore della zona turistica di Instanbul intorno alle ore 10,20 dando luogo all’ennesima tragedia in cui hanno perso la vita undici persone mentre invece quindici sono le persone rimaste ferite nell’esplosione. Secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sembrerebbe che l’obiettivo del kamikaze fosse proprio quello di colpire i turisti tedeschi ed infatti proprio l’esplosione ha avuto luogo presso una fontana tedesca situata nella pizza sopra citata.

I turisti tedeschi erano dunque il principale obiettivo del giovane kamikaze identificato con il nome di Nabil Fadli, jihadista dell’Isis così come confermato dal premier turco Ahmet Davutoglu, e tra le vittime infatti nove erano proprio cittadini tedeschi. “La vetrata del mio negozio è tremata. Ho visto molti turisti scappare in preda al panico. Sembrava una scena di guerra. Poi mi sono avvicinato ai corpi per portare soccorso. È triste che tanta gente innocente abbia perso la vita mentre visitava le bellezze artistiche del Paese. Bisogna capire le cause di questo orribile attacco”, parole di terrore e sgomento per quanto accaduto sono quelle pronunciate dall’impiegato di un’agenzia di viaggi che ha vissuto momenti di panico legati all’attentato che ha scosso non solo la Turchia ma il mondo intero.

In seguito all’esplosione tutti coloro i quali si trovavano sul posto hanno iniziato a fuggire, tra questi vi erano anche alcuni turisti italiani, molti dei quali si trovano già in viaggio per fare ritorno in Italia, sul luogo sono subito intervenute numerose ambulanze e vetture dei vigili del fuoco oltre che numerosi agenti della polizia che hanno chiuso l’accesso alla piazza. Nelle prime ore dopo l’attentato, in una delle prime apparizioni pubbliche, il presidente Tayyip Erdogan aveva affermato “La Turchia è sempre Il primo obiettivo del terrorismo perché noi non facciamo distinzioni tra gruppi terroristici” e successivamente, nel corso di una conferenza stampa ha invece affermato “L’esplosione è dovuta ad un attentatore suicida di origine siriana di 28 anni.

La Turchia continuerà a combattere il terrorismo e le organizzazioni terroristiche. L’attentato di questa mattina dimostra ancora una volta che dobbiamo essere uniti contro il terrorismo. Chi ha colpito questo paese deve essere portato davanti alla giustizia senza ritardo”. Sulla questione è intervenuto anche il premier Matteo Renzi il quale ha nello specifico affermato “L’attentato è una ferita fortissima a Istanbul, occorre combattere una battaglia durissima contro il terrorismo e affrontare nelle nostre terre una questione di valori e identità”.

Anche il ministro degli Esteri britannico, Philip Hammond ha espresso il suo pensiero sull’accaduto e su Twitter ha scritto “L’attacco terroristico di Istanbul è scioccante. Sono vicino a familiari e amici delle vittime. Il Regno Unito cerca con urgenza informazioni dettagliate dal governo turco”. Manuel Valls, premier francese, ha rivolto le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e alla Turchia.

One Reply to “Instanbul colpita da violento attentato terroristico: kamikaze si fa esplodere nella piazza Sultanahmet e causa numerosi morti e feriti”

  1. Signora Rizzo, La invito a non affiancarsi ad altri pennivendoli sedicenti giornalisti che non conoscono la storia, nemmeno della II Guerra Mondiale.
    I kamikaze erano militari giapponesi che lottavano contro militari USA.
    Quindi non erano folli suicidi che si immolavano con intorno persone inermi ed inconsapevoli….

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *