ISIS, omosessuali giustiziati in piazza

Esecuzioni di morte da parte dell’ISIS: sette omosessuali uccisi, oltre a due uomini e un ragazzo

Giustiziati con la “colpa” di essere omosessuali. Questa la motivazione dietro l’ennesimo atto di barbarie compiuto dai terroristi dell’ISIS.

Sette uomini sono stati uccisi, secondo quanto riportato dall’osservatorio siriano per i diritti umani, stamani nella città di Homs, Siria.
Altri tre uomini, fra cui un giovanissimo, sono stati decapitati a Hreitan. Si tratta di dieci esecuzioni esemplari, volte a punire il reato di omosessualità, meritevole di morte secondo il diktat del gruppo terroristico.

Oltre all’omosessualità, altri “reati” nella costituzione dell’ISIS per i quali è prevista la pena capitale sono quello di stregoneria e di fedeltà al regime di Bassad.
L’esecuzione delle pene avviene mediante decapitazione o costringendo la vittima a lanciarsi dal tetto di un edificio.

Durante gli omicidi, i terroristi dell’ISIS hanno sequestrato le macchine fotografiche e le videocamere di tutti i testimoni.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*