Italia condannata a Strasburgo per espulsione clandestini

0

La corte i Strasburgo ha condannato l’Italia per l’espulsione di tre clandestini

Il fatto è avvenuto nel 2011, anno in cui l’Italia aveva espulso tre immigrati clandestini di origine tunisina. Il caso poi passò direttamente al Corte Europea per i diritti umani con sede a Strasburgo, che adesso a distanza di quattro anni ha emesso il suo verdetto.

I tre clandestini tunisini vennero recuperati in mare dalla Guardia Costiera e portati al centro di Lampedusa. Dopo qualche tempo di permanenza al centro, il governo decise di espellere i tre in base ad un accordo unilaterale firmato con il governo di Tunisi.

La corte europea adesso ha deciso di condannare l’Italia per il trattamento degradante cui sono stati sottoposti i tre nel centro di soccorso di prima accoglienza, i quali sono stati lì trattenuti e poi espulsi senza diritto di appello ad alcun tribunale, sulla base delle decisioni prese dalle autorità.

Ai tre uomini è stato negato “il diritto alla libertà ed alla sicurezza”.

Come parte della condanna l’Italia dovrà risarcire a ciascuno dei tre clandestini una somma pari a 10,000 euro per i gravi danni morali arrecati, a meno che entro i prossimi tre mesi le parti ineressate non chiedano un riesame del caso.

Loading...
SHARE