Kabul, forte esplosione in Afghanistan: decine di vittime, attentato rivendicata dai talebani

0

Nella serata di ieri è stata avvertita una forte esplosione a Kabul, in Afghanistan; al momento non si hanno tante notizie e soprattutto quelle arrivano non sono ancora molto chiare,ma stando anche a quanto dichiarato dai media locali sembra che un camion bomba si sia fatto esplodere proprio davanti al Northgate Hotel, ovvero un hotel molto frequentato da stranieri sito vicino ad una base militare americana. Si è temuto sin dall’inizio che si fosse trattato dell’ennesimo attentato terroristico, si parla di un commando di quattro uomini, i quali armai avrebbero sparato all’interno dell’hotel, seminando inevitabilmente il panico.

Non si hanno notizie sugli attentatori e dunque non si hanno certezze sul fatto che si sia trattando di affiliati dell’Isis e soprattutto se in questo attentato alcune persone abbiano potuto perdere la vita. I media locali parlano di un camion bomba fatto esplodere contro il Northgate hotel, dove risiedono molti stranieri; l’hotel si trova vicino ad una base militare americana in un campound con sorveglianza armata dove risiedono civili e militari stranieri.Poco più tardi ecco arrivare la rivendicazione da parte dei talebani affermando che si tratta di un posto di lusso per stranieri e l’albergo si trovava lontano dalle case dei civili. Come già anticipato per i media locali a provocare l’attentato sarebbero stati 4 uomini armati presenti nelle vicinanze dell’hotel anche dopo l’esplosione.

Purtroppo, nel corso delle ore sono pervenute brutte notizie, riguardo il bilancio e si parla di decine di vittime, almeno stando alla rivendicazione avvenuta via mail da parte del portavoce Zabihullan Mujahdid.

Purtrippo non i tratta dell’unico attentato avvenuto a Kabul visto che la scorsa settimana due kamikaze dell’Isis hanno ucciso ben 80 persone e ferito altre 230 nel corso di una manifestazione della comunità atzera che protestava contro la mancanza di energia elettrica. Resta altissima anche la tensione a Cracovia dove il Papa Francesco si trova al momento per la Giornata mondiale della gioventù alla presenza di magliaia di giovani provenienti da tutto il mondo. Lo stesso Papa Francesco, senza mezzi termini, ha parlato di “una guerra”: “Ma non di una guerra di religione”

Loading...