Home » Economia & Caste » La Fitch declassa l’Italia. E la Germania minaccia il Belpaese: “Fuori dall’Europa, tornate alla lira”

La Fitch declassa l’Italia. E la Germania minaccia il Belpaese: “Fuori dall’Europa, tornate alla lira”

arton9232La Fitch, l’agenzia americana di valutazione del credito, ha declassato l’Italia tagliandone il rating da A- a BBB+. Una vera batosta per l’Italia, che potrebbe quindi vedere sfumati tutti gli sforzi compiuti in questi anni dal paese per restare al passo dell’Europa. La fumosità scaturita dalle ultime elezioni e le difficoltà di formare un nuovo Governo hanno reso ancora più preoccupante e nebuloso il futuro italiano. Inoltre la Fitch annuncia che in Italia è in atto una profonda recessione che continuerà a peggiorare col passare del tempo.

Pil che si contrae, debito nazionale che schizza alle stelle, disoccupazione sempre più crescente e recessione cavalcante: l’immagine dell’Italia agli occhi dell’Europa è quella di un paese sull’orlo del baratro, senza futuro e senza speranza. La domanda marzullianamente parlando nasce spontanea: ma allora tutti gli sforzi e i sacrifici fatti in questi anni, e che continueremo a fare, a cosa hanno portato?

E poichè i guai non vengono mai da soli arriva un’altra minaccia europea dalla Germania, che sta pensando seriamente di cacciare l’Italia fuori dall’Eurozona se non rispecchia i parametri e gli standard europei. In Germania è un’ipotesi che sta prendendo sempre più corpo. A sostenerla Rainer Bruederle, capogruppo liberale del Bundestag, che ha parlato alla seconda rete televisiva pubblica tedesca Zdf: “Spetta all’Italia decidere se adattarsi alle condizioni europee. Se non vogliono farlo, devono trarne le conseguenze”.

La Germania insomma non vuole che l’Italia diventi una zavorra. Addirittura qualche giorno fa Klaus-Peter Willsch, parlamentare tedesco facente capo alla formazione politica di Angela Merkel, ha ipotizzato un ritorno dell’Italia alla lira: “Se non riusciamo a convincere la maggioranza della popolazione di un paese a rispettare gli impegni relativi al funzionamento della moneta unica, quel paese dovrebbe tornare alla propria moneta”. La cara vecchia lira oggi è molto compianta. Ma un ritorno dell’Italia alla lira adesso sarebbe a dir poco complicato senza contare tutte le incognite e le implicazioni che si porterebbe dietro. Non resta altro che sospirare: “Si stava meglio quanto si stava peggio”.

Loading...

Altre Storie

Legge 104, novità per familiari che assistono anziani e disabili

Sono in arrivo tante novità e benefici per chi vorrà avere accesso alla legge 104 …

2 comments

  1. se torniamo alla lira nazionalizando la banca d’italia sarebbero cavoli amari per i tedestucoli e l’uro non esisterebbe più…!

  2. Ok MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

    Tornare alla LIRA..farebbe danno alla stessa GERMANIA che bello 🙂 in quanto molti prodotti made in Italy farebbero concorrenza in tutta Europa..anche con le automobili, l’esperienza lira – euro è stata catastrofica per l’Italia.. che si vede in questi ultimi anni dovere chiudere sempre più fabbriche così da non pagare i debiti..Azzerare i debiti passando alla lira..vendere tutte le ARMI PESANTI E LEGGERE Italiane alla stessa GERMANIA..ridimensionando tutti gli sprechi ” fatti con la becera politica” con uso e sperpero di denaro pubblico ecc. ecc. Chissà..cosa è giusto fare, sta di fatto che belin tutta l’Italia sta andando realmente al quasi completo catafascio ..e l’Europa e non solo..ne ha giustamente paura.
    Morando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *